Morta travolta dalla porta scorrevole a Tor Vergata, rinvio a giudizio per l’ex DG Bollero

Colpa consistita in imprudenza, negligenza e violazione del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro”: non era stata attuata alcuna predisposizione strutturale per prevenire un impatto accidentale con le persone di quella porta scorrevole al pronto soccorso, trasformatasi in “trappola mortale”.

Sulla base di queste motivazioni il Pubblico Ministero della Procura di Roma, dott. Giancarlo Cirielli, a conclusione della fase delle indagini preliminari, ha chiesto il rinvio a giudizio per il già direttore generale del Policlinico Tor Vergata, il dott. Enrico Bollero, nell’ambito del procedimento penale per omicidio colposo per la morte della 84enne Carmela Gallo, e il Giudice per le Indagini Preliminari, dott.ssa Anna Maria Fattori, ha fissato per il 20 settembre, alle ore 9.30, presso il Tribunale penale di Roma, l’udienza preliminare in camera di consiglio in relazione alla richiesta: altri guai giudiziari in vista, dunque, per il dirigente, già condannato a un anno e sei mesi nell’ambito del processo per abuso d’ufficio sugli stipendi gonfiati al policlinico.

Il marito della vittima, per ottenere finalmente giustizia dopo anni di attesa, attraverso il consulente personale Angelo Pasquale Novelli, si è recentemente affidato a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità in ogni genere di sinistro, a tutela dei diritti dei cittadini e dei danneggiati.

I fatti risalgono all’inizio di giugno del 2014: l’anziana, originaria di Reggio Calabria ma residente da tempo nella Capitale, lamenta forti dolori addominali ed astenia. Il marito e la figlia l’accompagnano una prima volta, il 2 giugno, al pronto soccorso del Tor Vergata dove, dopo alcuni accertamenti, alla paziente viene riscontrata una colica addominale e la dimettono. Persistendo tuttavia le algie, l’indomani, 3 giugno, poco prima delle 7 del mattino, i familiari riportano la signora al Pronto Soccorso, dove le praticano un clistere e, alle 10, le prescrivono una Tac dell’addome.

L’ottantaquattrenne viene quindi fatta sedere su una carrozzina e trasportata da un’operatrice sanitaria all’ingresso del laboratorio radiologico, subito dopo l’ingresso del box ortopedico dello stesso pronto soccorso. A causa dell’arrivo di un paziente in codice rosso, tuttavia, l’infermiera corre via e lascia da sola l’anziana, che resta “parcheggiata” nella sedia a rotelle in attesa di sottoporsi all’esame. Ma alle 10.45 accade l’imponderabile: un’altra infermiera, impegnata all’interno del box ortopedia, dovendo uscire pigia il pulsante e apre la porta motorizzata, che però a circa metà corsa urta violentemente l’anziana che si trova dall’altra parte. La donna perde l’equilibrio e rovina a terra battendo pesantemente il capo. Un incidente assurdo, tanto più in virtù del luogo dove si è consumato, che dovrebbe essere il più sicuro del mondo: un ospedale.

Carmela Gallo viene soccorsa, ma le sue condizioni peggiorano in poche ore e alle 4.20 del giorno successivo, il 4 giugno, spira. Nessun dubbio sul nesso eziologico tra caduta e decesso. La Procura capitolina, che ha aperto un procedimento penale in seguito alla notizia di reato, ha subito affidato al professor Filippo Milano, docente nella stessa Università Tor Vergata, l’incarico di effettuare una consulenza tecnica medico legale per stabilire le cause della morte dell’anziana, e il CTU ha concluso che essa “è stata causata da acuta insufficienza cardio-respiratoria conseguente ad emorragia cerebrale indotta da una caduta accidentale”. Del resto, a parte qualche acciacco dell’età, prima del tragico incidente le condizioni di salute della paziente erano buone e non aveva particolari problemi, come attestato anche dalla cartella clinica di ricovero.

Il Sostituto Procuratore non ha ravvisato colpe in capo agli operatori sanitari presenti, per quanto i familiari della vittima abbiano a più riprese sottolineato come la propria congiunta, sia per la sua età avanzata, sia per il suo stato di profondo malessere che si protraeva da ormai 48 ore, non potesse e dovesse rimanere priva di assistenza.

Il Pm, però, non ha potuto disconoscere le responsabilità del trauma mortale riportato dalla signora Gallo in capo alla struttura sanitaria, con particolare riferimento a quella porta scorrevole che l’ha urtata e fatta rovinare sul pavimento. Ed ha iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo il suo vertice all’epoca dei fatti, il dottor Bollero appunto, “perché, in qualità di Direttore Generale del Policlinico Tor Vergata e Datore di lavoro firmatario del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), alla data del 3 giugno 2014, per colpa consistita in imprudenza, negligenza e violazione dell’art. 17 comma 1 lett. A) in combinato disposto dell’art. 28 comma 2 e art. 55 sub 3) del dlgs. 81/08 – non essendo presente nel DVR la valutazione dei rischi e le misure di sicurezza da adottare, al fine dì prevenire un impatto accidentale con le persone della componente mobile della porta, relativamente all’utilizzo della porta scorrevole motorizzata ad una anta installata all’interno del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione (DEA) e posta a chiusura del box ortopedico – cagionava la morte di Gallo Carmela: quest’ultima, in attesa di accertamenti medici all’interno del DEA, alle ore 10,45 del 03/06/2014 si appoggiava alla parete del box ortopedico, in corrispondenza all’area di movimentazione della porta scorrevole, ove era presente solamente il cartello riportante la scritta “Attenzione porta scorrevole” e nessuna predisposizione strutturale che impedisse l’impatto accidentale con le persone e, a seguito dell’apertura della porta, veniva urtata e cadeva a terra battendo la testa; alle ore 4,20 del 04/06/2014 la stessa decedeva a causa di una acuta insufficienza cardio-respiratoria conseguente a emorragia cerebrale, indotta da una caduta accidentale” per citare fedelmente il testo della richiesta di rinvio a giudizio firmata a febbraio di quest’anno dal dott. Cirielli e riscontrata il mese scorso dal Gip, con l’avviso di fissazione dell’udienza preliminare per il 20 settembre.

Un processo dal quale i familiari della vittima, con Studio 3A, si attendono finalmente giustizia e, di riflesso, un’assunzione di responsabilità anche in sede civile da parte della Fondazione Policlinico Tor Vergata, che ha sin qui risposto picche a tutte le legittime richieste di risarcimento.

I video del giorno