Roma, bando palestre, il PD presenta ricorso a segretariato e avvocatura

“L’avevo anticipato nei giorni scorsi che il bando per l’affidamento delle palestre comunali era sbagliato e conteneva alcuni aspetti illegittimi, speravo prevalesse il senso di responsabilità da parte di chi governa Roma e i Municipi, ma purtroppo così non è stato e quindi questa mattina ho personalmente presentato un duplice ricorso, all’avvocatura e al segretariato generale.   Così in una nota Dario Nanni capogruppo in  VI Municipio e membro dell’assemblea nazionale del Pd.




“Speravo, che l’ostinazione di chi ha portato avanti questa procedura col tempo si trasformasse in consapevolezza per gli errori commessi, ma purtroppo così non è stato, ho ritenuto opportuno e doveroso rivolgermi agli organismi di controllo soprattutto per tutelare migliaia di bambini e di ragazzi, le loro famiglie, le associazioni e coloro che  lavorano in questo settore. Dopo più di un anno di amministrazione 5 Stelle, è ormai chiaro a tutti che ci troviamo al cospetto di presuntuosi tuttologi che non hanno ancora capito che amministrare non vuol dire comandare e decidere sulla testa delle persone, per di più nel caso loro caso senza avere alcuna esperienza e/o competenza, ma mettersi a disposizione dei cittadini cercando di trovare le soluzioni migliori. Per quanto riguarda il ricorso, è articolato in 10 punti in ognuno dei quali sono spiegati gli errori, le contraddizioni, e gli aspetti incomprensibili.

I tempi di pubblicazione non sono stati rispettati visto che in base al Decreto Legislativo 50/2016 non debbono essere inferiori a 35 giorni e invece in questo bando diventano 20; si fa riferimento a sanzioni nei confronti di chi commette violazioni senza specificare nè il periodo a cui si fa riferimento, nè le procedure del  contraddittorio come previsto per legge; si stabilisce di dare un punteggio aggiuntivo a chi ha svolto iniziative  o attività senza ulteriori specificazioni, quindi lasciando discrezionalità illimitata nelle mani di chi decide se valgano di più 10 anni di attività continuativa o un paio d’iniziative spot; per di più  il bando è stato modificato dopo la sua pubblicazione, l’ultima volta senza il 12 luglio, senza che fossero riazzerati i tempi di pubblicazione così come previsto. Insomma una gran confusione, un bando che fa acqua da tutte le parti, che non garantisce chi da anni con serietà e professionalità ha svolto le proprie attività nei difficili quartieri della periferia, e che andrebbe premiato ed invece viene vessato. Ho chiesto al capo avvocatura e al segretario generale di rispondermi in forma scritta, e di avvisare gli organi competenti in caso si ravvisino le condizioni per l’annullamento del bando in oggetto, è ovvio che questo pastrocchio ha nomi e cognomi dei responsabili e ovviamente non mi fermerò qui, visto il danno che si stà procurando.

Amministrare è una cosa seria- conclude Nanni –  se qualcuno pensa di gestire la città e i municipi in questo modo, giocando sulla pelle della gente, gli consiglio di lasciar stare e tornare a pettinar le bambole”.

Foto: Agenparl