La sonda Cassini finirà su Saturno la sua missione astronomica

Saturno sesto pianeta del Sistema Solare è stato classificato come gigante gassoso assieme a Giove, Urano e Nettuno, infatti è il secondo in grandezza e il sesto in rapporto alla distanza con il sole.
L’esperienza di vedere Saturno al telescopio è unica, perché a rendere particolare Saturno anelli di polvere visibili con un telescopio amatoriale, nei cieli estivi tra giugno e luglio.
Presto arriveranno da Saturno notizie ancora più precise, visto che da tempo orbita intorno a Saturno Cassini, la sonda che prende il nome dal famose astronomo italiano.
In astronomia Saturno è stato per anni uno dei pianeti più studiati e meno conosciuti a causa della distanza dalla terra per questo sono state inviate tante sonde l’ultima delle quali è proprio la sonda Cassini.

SaturnoGli anelli di Saturno, che vengono chiamati anche con le lettere dell’alfabeto,  sono  costituiti per la maggior parte da milioni di particelle di ghiacci e polveri di silicati che orbitano attorno al suo piano equatoriale e sono organizzati in un anello piatto diviso in sette fasce, separate a loro volta da spazi quasi vuoti.  La loro origine è sconosciuta.

Composto per il 95% da idrogeno e per il 3% da elio, Saturno è l’ultimo dei pianeti visibili a occhio nudo.
Noto fin dall’antichità, venne studiato dai Babilonesi, che ne registrarono regolarmente i movimenti, ma il primo astronomo a osservarlo fu Galileo con il suo telescopio e ne ipotizzò la forma e la presenza degli anelli.
Fu solo nel 1649 che Eustachio Divini, pubblicò per la prima volta un’illustrazione dettagliata degli anelli. Dobbiamo a Giandomenico Cassini la prima ipotesi della natura degli anelli di Saturno e fu sempre lui ad individuare la prima suddivisione, che porta il suo nome e le sue prime quattro lune: Rea, Giapeto, Dione e Teti.

I satelliti che ruotano attorno al pianeta sono 64.
Nel 2005 grazie al telescopio giapponese Subaru ne vennero scoperti 12, ai quali si aggiungono gli altri 15 scoperti tra il 2006 e il 2009.
Solamente 53 di loro hanno un nome, la maggior parte portano i nomi dei Titani della mitologia greca, mentre le lune irregolari quelli dei giganti di ghiaccio della mitologia norrena e quelli delle divinità celtiche ed inuit.
Tra tutte le lune di Saturno sono solamente due a spiccare: Titano e Encelado.

Lanciata il 15 ottobre 1997, la sonda spaziale Cassini-Huygens è entrata nell’orbita del pianeta il 1º luglio 2004.
Dopo 20 anni di attività e numerose scoperte effettuate grazie alle sue osservazioni, la Sonda Cassini-Huygens il 15 settembre 2017 effettuerà la sua ultima manovra all’interno dell’orbita del pianeta e chiudendo definitivamente la sua attività schiantandosi sul pianeta.

Numerose sono state le scoperte della Cassini –Huygens durante i 20 anni di missione: 15 nuove lune, acqua liquida su Encelado, fulmini di circa 1.000 volte più potenti dei fulmini terrestri, scoperti laghi e mari di idrocarburi su Titano.

Nell’ottobre del 2006 la sonda ha anche registrato una enorme tempesta nel polo sud del pianeta nel 2006 e di un immenso uragano sul polo nord del pianeta nel 2013.

Sempre nel 2013 la sonda Cassini –Huygens ha scattato una fotografia della Terra dalla distanza di 1,5 miliardi di km.
Il nostro pianeta apparve come un piccolo puntino blu con accanto un  puntino bianco ancora più piccolo.

Con poche decine di euro puoi vedere Saturno da casa tua grazie a questi telescopi.

I video del giorno

Informazioni su Samantha Lombardi 4787 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it