GT Italia: Antonio D’Amico si impone al Mugello nella classe Super GT Cup

Tabella di marcia rispettata per Antonio D’Amico che sul circuito del Mugello, quarto appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo, ha conquistato un bottino di venticinque punti e ridotto il gap dalla leadership grazie alla vittoria in gara-1.

Il driver di Fiano Romano, seguito dalla Minardi Management, si è lasciato alle spalle il difficile weekend di Monza portando la Lamborghini Huracan numero 116 del team di Vincenzo Sospiri sul gradino più alto nella corsa del sabato, mettendo a segno il terzo sigilli stagione dopo i successi conquistati a Imola e Misano. Il positivo weekend è stato concluso col sesto posto in gara-2, frutto anche dell’handicap di quindici secondi scontati durante il pit-stop per la vittoria del sabato.

“E’ stato certamente un fine settimana positivo e importante in ottica campionato. Sapevamo di dover vincere gara-1, non avendo handicap da scontare e abbiamo raggiunto pienamente l’obiettivo. Purtroppo in gara-2 siamo stati rallentati dal traffico e non sono riuscito ad andare oltre la sesta posizione. Abbiamo comunque ridotto il gap dalla vetta e questo è importante in vista dei prossimi appuntamenti” commenta Antonio D’Amico.

“Tre vittorie su quattro appuntamenti rappresentano un rullino di marcia importante. Certamente pesa il weekend sfortunato di Monza in ottica campionato. Siamo comunque riusciti a recuperare alcuni punti. In gara-2 siamo stati rallentati da un po’ di traffico perché il quarto posto (con i 15” di handicap da scontare ndr) era alla nostra portata. A Imola proseguiremo il nostro cammino” analizza il manager Giovanni Minardi

Appuntamento al 10 settembre col quinto doppio round del Campionato Italiano Gran Turismo che farà ritorno all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9382 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.