Via di Portonaccio, danno ai cittadini per 200mila euro, Palumbo: “Trappola per gli automobilisti”

“Da maggio nella nuova corsia preferenziale tra via di Portonaccio e via Tiburtina sono state levate circa  200mila multe potenziali a danno di  automobilisti ignari della nuova restrizione sulla  viabilità. Molti  hanno continuato per giorni a transitare  in quel tratto di strada con  la propria auto senza aver compreso la nuova circolazione per gli autoveicoli. E stato appurato che il pasticcio burocratico è sorto a causa dell’insufficienza della segnaletica apposta che non consentiva di rilevare la modifica apportata alla viabilità.




 Tra i cittadini,  alcuni hanno già ricevuto anche 80 sanzioni  e migliaia di euro di multa. E’ evidente  come in questo caso sia la buona fede ad aver ingannato coloro che recandosi al lavoro giornalmente hanno continuato a fare lo stesso tragitto ignorando le modifiche alla circolazione che vietavano il  transito agli   autoveicoli privati. E’ un pasticcio che la Sindaca Raggi e la giunta M5S non possono continuare ad ignorare e di cui si debbono far carico.

 Da giorni i cittadini che abitano e lavorano in quel quadrante della città  reclamano di essere caduti in una trappola dovuta alla scarsa informazione e alla carenza di  segnaletica riconoscibile.  Anche il Campidoglio dopo settimane  ha dovuto  ammettere l’insufficienza delle  indicazioni apposte e della comunicazione effettuata.  L’annuncio tardivo  di provvedere ad un nuovo piano di comunicazione e a installare una maggiore  segnaletica orizzontale e verticale non è sufficiente, soprattutto per chi potrebbe aver  subito un danno economico corrispondente ad alcune migliaia di euro di multe . Da qui la necessità di  una iniziativa mirata dell’Amministrazione Capitolina che scongiuri la penalizzazione di migliaia di automobilisti incolpevoli. Allo  scopo di evitare una mole enorme di ricorsi e una ’ class action’  già preannunciata dagli sventurati  automobilisti, questa mattina la  commissione trasparenza da me convocata ha  avanzato l’ipotesi  di un avvio di procedura in autotutela dell’amministrazione relative alle sanzioni elevate alle auto private a partire  dal 2 maggio scorso.”

Così in una nota il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo.