Il Vesuvio brucia e De Luca……

Il Vesuvio brucia, la Campania arde e cosa fanno i governi regionale e nazionale? Dopo giorni di ritardo, cercano, attraverso dei comunicati, di coprire le proprie responsabilità.

 

Chi doveva prevenire? Chi ha smembrato il Corpo Forestale italiano, ora nei Carabinieri?

 

Chi ha tagliato le risorse destinate a questo settore? Chi ha abbandonato le attività di prevenzione? Chi, dopo anni di emergenza incendi, preferisce acquistare gli F35? Chi trascura il cambiamento climatico, che vede proprio il meridione il luogo principale dove si instaura una condizione di caldo torrido e siccità perduranti? Chi ha permesso l’andare in fumo di migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea?

 

De Luca, tra un invito a fritture ed un’inaugurazione di stazioni colabrodo, afferma che la Campania non sarà mai più ultima….Beh, dopo il primato nella malasanità nazionale (cittadini costretti a dormire per terra o ricoperti di formiche), ora la regione che amministra sarà prima anche nell’incapacità gestionale delle emergenze (ampiamente prevedibili….) come quella che umilia il Vesuvio ed i suoi cittadini.

 

Il danno dovuto dalla cattiva amministrazione della sua giunta è di carattere ambientale, economico e di salute delle persone. A chiacchiere dice di puntare sul turismo, ma i fatti dicono immagine, economia e sostanza dell’area vesuviana in fumo.

Regione Campania che neanche sette giorni fa ha dichiarato la propria indisponibilità alla stipula di una convenzione che prevedesse il coinvolgimento dei Vigili del Fuoco nelle attività di lotta e prevenzione degli incendi boschivi…..

Fumo che ricorda la sua politica, quella fatta di fritture di pesce da promettere e che di sostanza ha solo il narcisismo di un uomo che più volte ha dato dimostrazione di non essere all’altezza del ruolo ricoperto.

 

 

Nel frattempo l’uomo di Renzi, tal Gentiloni, che fa? Magari è preoccupato di boschi; peccato non di quelli che bruciano. In una nazione dove la natura è non solo bellezza ma anche possibilità di riscatto sociale, invece di investire in canadair, si punta sull’acquisto di aerei inutili e vetusti quali gli F35.

 

De Luca, Renzi, Gentiloni ed il Pd tutto, per l’ennesima volta offendono l’intelligenza degli italiani, in particolare dei campani.

 

La natura dolosa di questi incendi è evidente; forse qualcuno ha interesse a diminuire la superficie del Parco Nazionale del Vesuvio o a creare nuove discariche abusive. Che idee hanno “lor colpevoli” per impedire le speculazioni che seguiranno?

 

Ah, dimenticavo: l’emergenza nazionale si chiama fascismo. Troppo Fiano (vino avellinese) fa male…..

 

 

 

 

Foto: Margherita D’Ambrosio

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9359 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.