Rigenerazione urbana, Santori, FDI: “Rivedere le norme su affrancazione vincolo prezzo massimo alloggi”

Durante la discussione della legge sulla Rigenerazione urbana approvata ieri dal Consiglio regionale, tra gli ordini del giorno presentati è stato approvato quello sull’affrancazione del vincolo del prezzo massimo degli alloggi di edilizia sociale, fortemente voluto da Fratelli d’Italia di cui ero primo firmatario.




Si tratta di un provvedimento molto importante perché coinvolge un numero consistente di abitanti delle case di edilizia popolari costretti ad attendere cinque anni dal riscatto dell’immobile prima di poter vendere l’appartamento di cui sono diventati regolarmente proprietari. O al versamento di un corrispettivo che, nella città di Roma, oscilla tra gli 8.000 e i 50.000 euro. Una norma ingiusta che penalizza intere fasce di popolazione precludendo loro l’accesso alla vendita dell’immobile su libero mercato, costringendo i proprietari ad attendere i relativi tempi amministrativi e burocratici e, paradossalmente, facendo registrare un aumento delle speculazioni sugli alloggi.

L’ordine del giorno approvato, dunque, punta a sensibilizzare sulla necessità di superare l’attuale normativa sull’affrancazione dal vincolo presente in circa 8000 comuni italiani, con particolare attenzione a Roma, sostenendo così il diritto all’abitazione. Il consiglio regionale del Lazio all’unanimità ha chiesto al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti di sensibilizzare il Parlamento circa la necessità di superare l’attuale complessa normativa che regolamenta l’affrancazione dei vincoli convenzionali degli alloggi dei piani di zona presenti in oltre 8000 comuni italiani.

E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia membro della commissione Urbanistica