Canile lager in zona Boccea, cani denutriti e maltrattati

“Sedici cani denutriti, solo cinque microchippati e ben dieci carcasse rinvenute: è questo il drammatico scenario in cui si sono imbattuti, nel tardo pomeriggio di ieri, la polizia locale del XIV Gruppo e le guardie zoofile della Earth, protagonisti di un intervento di salvataggio che ha sottratto i cani ancora in vita a morte sicura. Gli animali in condizioni più disperate sono stati ricoverati e sottoposti, sin dalle prime ore, alle cure del caso, mentre quelli che non presentavano particolari patologie o criticità sono stati trasferiti presso il canile Muratella.




La speranza è che tutti possano riprendere una vita serena e spensierata, magari mediante adozioni in contesti sicuri e rassicuranti. Per quanto riguarda la proprietaria del canile, confidiamo nel decorso delle indagini che la magistratura ha già avviato sul suo conto. La Commissione Ambiente, desidero ringraziare, per l’encomiabile lavoro svolto, la Polizia Locale, le guardie zoofile della Earth, la dottoressa Matassa, il delegato alla Sicurezza di Roma Capitale Dottor Cardilli e il suo staff.

L’Amministrazione capitolina continuerà a monitorare con attenzione questa e altre vicende simili, al fine di studiare e implementare ulteriori misure a tutela dei nostri amici animali. Diceva George Orwell: ‘Quattro gambe buono, due gambe cattivo’, con riferimento alla malvagità dell’uomo rispetto al mondo animale. Nel caso della proprietaria del canile lager scoperto in zona Boccea, è palese che questa citazione non sia poi così infondata”.

Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione capitolina Ambiente Daniele Diaco.