Caldoro: “La #Campania brucia. Colpa di criminali e della incapacità della Regione”

Il delitto è consumato, il danno è prodotto. Ettari ed ettari di bosco andati in fumo, roghi pericolosi per la #salute#ambiente deturpato, #cittadinisgomenti e spaventati.




La miccia è forse dolosa (criminali senza scrupoli), le indagini sono in corso ma l’estensione dell’incendio rappresenta il vero problema. Chi doveva fermarlo? Chi doveva con tempestività intervenire? Doveva farlo la Regione Campania.

La Regione ha tutte le competenze e la responsabilità sulla prevenzione e gestione dell’antincendio boschivo come sulla protezione civile.
Il danno è imputabile a chi accende la miccia – criminali sempre in azione oggi come nel passato – così come a chi non ha fatto nulla, pur avendone le competenze.

In rete gira una lettera del direttore generale dei Vigili del fuoco che si lamenta della mancata firma alla convenzione limitatamente alla sicurezza delle persone. Chiaro segnale di inerzia, incuria e superficialità dei vertici della Regione.
La stessa incuria e incapacità testimoniata dallo smantellamento, di fatto, del ruolo guida della protezione civile regionale che ha indebolito il controllo e il coordinamento delle azioni in caso di emergenze.

Non c’è l’assessore ai Lavori pubblici e alla protezione civile, non c’è l’assessore all’agricoltura. Il delegato a questa materia pare sia occupato, giorno e notte, nella distribuzione a pioggia di finanziamenti del Psr e di strade rurali ai singoli comuni, ignorando i veri temi della tutela della terra.

Quello che è avvenuto non è causa del distino cinico e baro, non è imputabile solo a pochi criminali ambientali ma è frutto anche di una grave responsabilità politica e amministrativa della Regione Campania, una Regione incapace di fare il proprio dovere.

Ps . Colgo l’occasione per ringraziare, ancora una volta, il professore Edoardo Cosenza. Con capacità e autorevolezza, riconosciuta da tutti nella nostra regione e in Italia, ha nei cinque anni trascorsi affrontato ogni emergenza di protezione civile con l’organizzazione e l’efficacia necessaria, “salvando” la regione da fenomeni come quelli di questi giorni. Non è il destino o la sfortuna a fare la differenza ma la capacità degli uomini e nella precedente Giunta erano impegnate grandi professionalità.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8614 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.