Spiagge e tendenze

Infiltratami come una qualsiasi bagnante in uno stabilimento balneare medio ho potuto cogliere le tendenze in spiaggia di quest’ estate. Di seguito il reportage ricco di spunti e suggerimenti che vi permetterà di essere trendy, evitando abbigliamenti e comportamenti che vi daterebbero come superati.

Diciamo subito che la vacanza “mordi e fuggi ” è diventata più che altro un “fuggi e mordi” in quanto è trendy ogni cosa che evochi agilità e dinamismo. Si va in spiaggia per mostrare i mesi faticosi trascorsi in palestra e l’ora di pranzo si trasforma in un regolamento di conti con pizzette calde che attendono guardinghe il momento per uscire dalle borse.

Accanto i tonici vicini esibiscono splendide vaschette iper-accessoriate complete di posate, tovagliolo e minisacchetto per i rifiuti, tutto giustamente in materiale riciclabile. Organizzatevi per tempo con uno di quei contenitori che vanno dappertutto: nel freezer, nel microonde e pure al mare, dove voi vorreste andare, ma non è ancora il momento. Nel contenitore avrete avuto cura di conservare un’ insalata senza olio e altri condimenti, appena qualche seme di sesamo che s’infila nelle otturazioni.

Superato con successo il primo step dell’alimentazione un’occhiata all’abbigliamento è di rigore: vanno di moda i costumi anni cinquanta con slip alti e reggiseni coprenti. Se il vostro fisico non possiede i canonici cinquanta centimetri che devono separare la parte di sopra da quella di sotto meglio evitare, potreste rischiare di sembrare reduci da un intervento o in attesa di una parte nel film “La Mummia”! Anche gli uomini si diano una calmata ignorando i costumi fitness che, come dice il termine, presuppongono sfiancamenti settimanali con il trainer e non sedute quotidiane con i tramezzini.

Bene, adesso uno sguardo in giro per vedere cosa si fa in spiaggia, quasi niente… Le attività divertenti, come giocare a racchettoni o a pallone, sono permesse lontano da chi prende il sole o fa il bagno. Quindi si può giocare a racchettoni restando distanti dall’ultima fila di lettini, ma pure dall’acqua  in pratica un filo di sabbia su cui i giocatori sono perennemente in piedi su una gamba sola come fenicotteri a riposo. Stesso discorso per il pallone consentito al di la della prima fila di boe e può capitare che uno, fermo alla boa arancione per un crampo, venga investito dagli insulti di chi gli intima di passare la palla. Attenzione perchè è il tratto in cui passano pure canoe e kayak, visibili dalla spiaggia, e si rema pure per farsi notare, ma attenzione, una pagaiata data con entusiasmo può mettere k.O.

Intanto sotto gli ombrelloni pare dominare il relax, errore… Non potendo fare altro sono tutti al lavoro perchè è questa la vera tendenza dell’estate in spiagga: il relax alternato a lunghe pause per sistemare gli affari in sospeso. Durante la mia missione sotto copertura ho assistito alla conversazione di una vicina di ombrellone che ha nell’ordine ha ordinato gli infissi per la casa al mare, acquistato delle piante da giardino, trovato casa a prezzi convenienti all’amica sfrattata e litigato come di consueto con il marito, tanto per trovarsi una cosa fatta. Il consorte da parte sua ha tentato per due ore, supportato dall’intera spiaggia, di averla vinta con la voce meccanica per parlare con un operatore, ma ha dovuto arrendersi. Altri invece si dedicavano a prenotare l’estetista, la vacanza successiva o a raccontare qualche problema di salute ricevendo ottimi consigli.

Una spiaggia operosa e indaffarata da cui andare via sapendo di non aver sprecato la giornata, con uno sguardo al mare e uno alle mail, uno ai costumi per scovare il più bello e uno al credito telefonico che così facendo si esaurisce. La vacanza è diventata, quando si può fare, una questione di attimi e bisogna preselezionare i più belli per poterli ricordare. Magari se ne potrà fare anche un trailer da mostrare come anteprima agli amici, in attesa dell’uscita definitiva a settembre…

I video del giorno