Roma, ATAC, Piccolo,PD:” Rota rivela difficoltà note, in un anno M5S ha bloccato risanamento e acuito difficoltà”

WCENTER 0XNECDQKCB Uno dei 337 nuovi autobus Atac, bus più 'green', più accessibili per i disabili, più intelligenti e tutti rigorosamente di color 'rosso Roma Capitale'. E' stata presentata a Roma oggi, 23 aprile 2013, la nuova flotta di autobus Atac, 206 mezzi da 12 metri e 131 'jumbo' da 18 metri, che entreranno in servizio a giugno per le strade della Capitale. ANSA / US ATAC ++NO SALES EDITORIAL USE ONLY++

“Oggi, su un noto quotidiano della capitale, il direttore generale dell’Atac Rota esce dal torpore che ha caratterizzato il nuovo management scelto dalla sindaca Raggi e lancia l’allarme sui conti dell’azienda capitolina di trasporto. Dopo vari cambi di direzioni dalle dimissione dell’ex A.D. Rettighieri ecco la scoperta dell’acqua calda! Dopo un anno di amministrazione Raggi e di assoluto immobilismo, non è stato presentato ancora il nuovo piano industriale, il dott. Bruno Rota scopre quello che tutti sanno. Solo che non dice o forse non sa che il M5S ha bloccato l’azione difficile e complessa di risanamento avviata dalla precedente giunta di centrosinistra. Tutti ricordano le pesanti ingerenze dell’assessore Meleo nei confronti di Rettighieri per costringere quest’ultimo a gettare la spugna.




 E’ utile però ricordare, che il piano industriale e di efficientamento di Atac che era  stato predisposto prima delle dimissioni dall’ex direttore generale dell’ATAC Marco Rettighieri,  aveva iniziato, nel primo semestre  2016,  a dare i primi risultati con il  recupero di quasi  12 milioni su base annua e l’ipotesi di varie assunzioni nei settori operativi della società. Quindi riacquistare una credibilità finanziaria e un margine di operatività  non era una missione impossibile.  Pur nelle difficoltà oggettive l’azienda si era rimessa in marcia. L’azione di rilancio era stata avviata e il rischio fallimento allontanato.

 Dai 60 milioni di perdite del 2015, l’obiettivo  era il pareggio di bilancio nel 2017, confermato anche dall’assessore Colomban,  per chiudere il 2018 con un esercizio in utile. Alla base di quel piano industriale c’era l’incremento della produzione per raggiungere i 100 milioni di chilometri l’anno da contratto di servizio. Nel corso del 2015 erano stati riorganizzati sia i turni della superficie che del metroferroviario, è stato introdotto il badge anche per i macchinisti della metro, dimezzato il ricorso agli straordinari, internalizzate numerose attività (a partire dalla manutenzione), l’assenteismo era calato dal 13% all’11%. Le indennità prima concesse a pioggia erano state erogate al raggiungimento degli obiettivi.

In un anno di amministrazione cinquestelle in Atac, il processo di risanamento per rendere più competitiva la società capitolina nel 2019 è stato bloccato, i cambi di management e gli attriti tra presidente e D.G. hanno acuito la crisi, il bilancio consuntivo non è stato ancora approvato e cosa più grave anziché il pareggio di bilancio quest’anno si rischia l’aggravio  di ulteriori perdite.”

Così in una nota la consigliera del PD capitolino Ilaria Piccolo.