Ninna Nanna

L’asfalto cocente emana vapori ardenti e il vento dello scirocco sibila sulle terre-amara terra mia, amara terra, suonava una canzone cantata da Domenico Modugno- sui templi agrigentini testimoni di fasti immortali. Anita (Francesca Inaudi) assaggia l’uva per scoprire se è sana, se ha bisogno di cure: fa l’enologa ed è apparentemente felice. Salvo (Fabrizio Ferracane) suo compagno di vita, brav’uomo e grande lavoratore fra poco diventerà padre perché Anita sta per partorire. La nascita di Gioia  sarà- come la terra- tanto dolce quanto amara.
Ma come- vi chiederete- non è felice Anita di diventare madre? A quanto pare, no.
La vita quotidiana si guasta, eppure i familiari sono tutti amorevoli:  il padre della bimba, la nonna (Guia Jelo) lo zio (Nino Frassica).La mente offuscata della giovane madre formula pensieri inquietanti: Anita si sente abbandonata perché non riceve le stesse cure e attenzioni che gli altri riservano  alla neonata. Così un giorno si “dimentica”la bambina in automobile e peggio lascia il gas aperto con la bimba in culla ed esce, con la scusa di comprare un accendino. In sala si contano i secondi pensando che la palazzina esploderà: per buona fortuna interviene Salvo che allontana fisicamente la madre dalla figlia con tutta la necessaria severità di un padre e di un compagno.  Finalmente personaggi maschili non perversi che amano le donne e sanno agire con autorevolezza! “La bambina non sei tu Anita, è lei! “grida lo zio. Nel film i personaggi mantengono la propria identità e questo è da apprezzare, visto che lo spettatore già vive una situazione altamente drammatica, vedendo il comportamento della madre. Anita si sente sempre più smarrita, dà letteralmente i numeri: parla con sua figlia Gioia come  se non la riconoscesse. Si vorrebbe entrare nella pellicola- all’inverso del film “La Rosa purpurea del Cairo” di Woody Allen (1985)-talvolta per abbracciare Anita, talvolta per darle due ceffoni. Anita scappa,si nasconde, confessa ad alta voce di non sentirsi madre ed è per questo che è un grave pericolo per se stessa e per gli altri. Di notte in una folle corsa in auto “rapisce “ la figlia urlando di non volere essere come sua madre : la bella e spietata donna in carriera (Maria Rosaria Omaggio) tanto amata e che tanto l’ha fatta soffrire. Nelle sue elucubrazioni immagina di vedere passare un cieco davanti a lei: ma Anita non è  Edipo  e nemmeno aspira a diventare Medea. Anita è forte come la sua antica terra e sa qual è la sua identità profonda. Si ride, ci si commuove, ci si affeziona ai personaggi. Molto bella la fotografia, in un film mozzafiato che sembra un thriller: attori bravissimi . Passando dal comico al drammatico, Nino Frassica s’improvvisa regista di un documentario sulla vita degli abitanti del paese, facendo giochi linguistici esilaranti- come “integrali” invece di “integrati”, “ron” invece di “rom”-tipici del suo repertorio. Visti i fatti di cronaca che vedono madri uccidere i propri figli, il tema della maternità riguarda tutti ed è trattato dai due registi (Dario Germani ed Enzo Russo alla loro opera prima) senza sentimentalismi, con uno stile aspro –che non sarà radical chic movie – ma va bene lo stesso. Buona la prima!
Titoli di Coda
Ninna Nanna
Regia: Enzo Russo, Dario Germani
Attori: Francesca Inaudi, Fabrizio Ferracane, Nino Frassica, Manuela Ventura, Guai Jelo, Salvatore Misticone, Maria Rosaria Omaggio, Luca Lionello, Massimiliano Buzzanca
Sceneggiatura: Damiano Bruè, Vincenzo Russo, Dario Germani, Sante Paolacci
Fotografia: Dario Germani
Montaggio: Francesco Tellico




Produzioni: JAFATA s.r.l.
Distribuzione: Plumeria Film s.r.l.
Paese: Italia

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.