Sbk, Rea: “Mi sono sentito molto bene a metà gara”

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) e Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) continuano alla grande la stagione 2017 con un doppio podio conquistato al Mazda Raceway Laguna Seca, rispettivamente in seconda e terza posizione.
Rea, che ha ottenuto la sua prima vittoria sulla pista di 3.610km l’anno scorso, ha lottato per la vittoria con Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) a metà gara, dopo un inizio che gli ha permesso di stare nel gruppo di testa. Il nord-irlandese però non è riuscito a mantenere il ritmo di Davies e ha avuto difficoltà con l’aderenza al posteriore.
Rea pensa ad alcune modifiche in vista di Gara2, e ha spiegato: “Non sono mai contento di non vincere, ma oggi questo è stato il massimo che potevo fare. Abbiamo faticato davvero in alcune aree, ma sono contento dei nostri sforzi dato che ho dato tutto. A metà gara mi sono sentito molto bene, ma quando siamo arrivati alla fine della gara il mio posteriore aveva davvero poca aderenza. Congratulazioni a Chaz, non ha commesso errori; spero di migliorare domani”.
Sykes ha preso la testa della corsa appena è iniziata e ha mostrato un grande passo nei primi dieci giri, ma quando la gara è arrivata a metà il poleman ha avuto qualche problema di grip al posteriore della sua ZX-10RR. L’inglese ha ottenuto una buona terza posizione e spera domani di migliorare il risultato, dopo aver fatto alcuni cambiamenti sulla sua moto.
“È stato difficile,” ha iniziato Sykes. “Abbiamo avuto una buona partenza e nei primi 10 giri è andato tutto bene, ma poi ho iniziato a faticare con il posteriore, non so spiegare. I due che mi precedevano hanno fatto una grande gara, abbiamo bisogno di migliorare. Chaz è sempre molto forte qui. Domani dovremo usare la nostra velocità, ce l’abbiamo ma abbiamo poca costanza. Certamente dobbiamo migliorare la messa a punto. Non mi aspetto miracoli, ma qualcosa da migliorare soprattutto con queste alte temperature”.
Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8874 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.