Estate, vacanze e furti in casa, se partite non ditelo sui social

I social network offrono ghiotte occasioni per i topi di appartamento che adottano la nuova strategia di monitorare i vari profili Facebook, Instagram, ecc., per approfittare delle assenze prolungate di chi lascia le proprie residenze per godersi un meritato periodo di ferie e relax. E l’estate è il momento delle grandi partenze.

I ladri ed i conseguenti furti in appartamento crescono esponenzialmente proprio durante questo periodo e, si sà, non temono sistemi antifurto e di videosorveglianza, porte blindate e sbarre alle finestre. Tuttavia, per ridurre il rischio di furti è importante adottare alcune precauzioni che risultino essere adeguate anche all’evoluzione tecnologica e alla nostra voglia di stare in rete.

Al di là del classico stratagemma di lasciare le chiavi del proprio appartamento a un vicino o a un parente al fine di consentirgli di entrare periodicamente all’interno per creare la sensazione che qualcuno è presente all’interno dell’abitazione, Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, consiglia anche di evitare categoricamente la pubblicazione sui social network quando e per quanto tempo si va in vacanza. La tecnologia si sa è utile, ma può essere anche pericolosa quando si mette in mostra la propria privacy e le proprie consuetudini di vita.                                                                                                                                                                                         

Giovanni D’AGATA

I video del giorno