Connettività all’italiana: quando e quanto ci colleghiamo a Internet

Aumentano le connessioni Internet dall’Italia, e lo fanno segnando una rivoluzione storica: nel 2016, infatti, gli smartphone hanno ufficialmente superato le connessioni da casa, e dunque da PC fisso. Questo è quanto emerso dall’indagine condotta da Audiweb, l’associazione di categoria che si occupa dell’audience di internet, secondo la quale l’88,7% degli italiani attualmente si collega in multi-device, utilizzando tutti gli strumenti disponibili. Inoltre, stando sempre ai dati Audiweb per il 2016, il 75,8% degli italiani si connette sfruttando il cellulare, mentre il 73,8% usa anche il PC fisso. In base ai suddetti numeri, appare chiaro che stiamo attraversando un momento molto importante, per quanto concerne il cambio delle nostre abitudini di navigazione.

Navigare da casa: c’è comunque un miglioramento

Nonostante il sorpasso degli smartphone rispetto alle connessioni da casa, queste ultime hanno comunque registrato un aumento rispetto al 2015. Uno dei motivi è da ricondurre al fatto che le nostre abitudini di navigazione su diversi dispositivi trovano spazio anche fra le quattro mura domestiche, dato che ci allacciamo alla rete casalinga non solo da Pc ma anche tramite smartphone, tablet e persino con il televisore. Un altro fattore che ha influenzato positivamente il suddetto aumento di connessioni casalinghe è stata la presenza di tariffe molto competitive ed una maggiore flessibilità negli abbonamenti. Linkem ad esempio presenta delle tariffe Internet concorrenziali, ricaricabili e senza vincoli con la linea telefonica fissa, che rappresenta un incentivo ulteriore per l’utilizzo della connessione casalinga, oltre all’ovvio risparmio dei giga del proprio abbonamento mobile. 

Italiani e smartphone: tutte le informazioni

Gli italiani, spesso e volentieri, si collegano da smartphone; ma quali sono le loro abitudini, e quando e come utilizzano il cellulare per navigare su Internet? Ebbene, addirittura l’88% degli smartphone-addicted accede alla rete tramite app e web app, con un incremento del +36% rispetto allo scorso anno: cosa che denota anche l’aumento della qualità delle app e dei servizi offerti. Ed i picchi di connessione, invece? I maggiori si riscontrano nella fascia compresa fra le 13.00 e le 14.00 (pausa pranzo), con risultati notevoli anche alle 18.00 (per molti l’orario di uscita dall’ufficio). Per quanto concerne i siti più visitati, invece, troviamo al primo posto i motori di ricerca come Google, i social network e i siti di e-commerce.

Connessioni e navigazione sul web per fasce d’età

Gli italiani che si connettono al web sono oltre 42 milioni, ma quali sono i dati relativi alle fasce d’età? Circa il 62% delle persone comprese fra i 18 ed i 34 anni naviga su Internet quotidianamente, mentre nel caso delle altre fasce d’età la percentuale va via via calando: dai 25 ai 54 anni si connette il 54% della popolazione, mentre gli italiani dai 55 anni in su che si collegano al web sono circa il 26%, comunque in aumento rispetto al passato. A incidere, ovviamente, una minore familiarità con i device hi-tech.

I video del giorno