Roma, acqua, Pacetti, M5S: “L’acqua è la nostra prima stella”

“Approvata oggi in Aula Giulio Cesare una mozione del M5S con cui vengo espressi alcuni indirizzi riguardanti la prossima Conferenza dei Sindaci dell’ATO2 e il gestore del Servizio Idrico Integrato dell’ATO2, Ambito Territoriale Ottimale che comprende la città di Roma e il Lazio centrale.

Per far fronte dell’attuale crisi idrica chiediamo innanzitutto che parte degli utili societari vengano reinvestiti nelle reti. Occorre tutelare le fonti di captazione per evitare danni ambientali, aumentando parallelamente le opere infrastrutturali utili a garantire l’approvvigionamento idrico a Roma e provincia. Chiediamo inoltre un report annuale al gestore per accertarci dei lavori effettuati.

Nell’interesse dei cittadini vogliamo che venga ampliato il numero degli sportelli al pubblico di Acea Spa in maniera capillare sul territorio di Roma Capitale. E’ impensabile che per un territorio così vasto ci sia un solo sportello, quello di Piazzale Ostiense, congestionato e difficile da raggiungere per chi proviene dalle periferie romane.

La mozione prevede anche che si apra un tavolo con i Sindaci dell’Ato2 per avviare uno studio di fattibilità sulla ripubblicizzazione della gestione del servizio idrico integrato includendo la partecipazione di tutti i soggetti interessati.

Alla prossima Conferenza dei Sindaci dell’ATO 2 si chiede, nello specifico, di impegnare il gestore del SII a riservare una adeguata percentuale degli utili derivanti dalla gestione del servizio idrico integrato, ante imposte, da inserire a investimento per l’anno successivo, in interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria della rete idrica al fine di ridurre sensibilmente nel più breve tempo possibile le perdite idriche.

Vogliamo, infine, che venga eliminato dalle bollette di tutti gli utenti di Roma e provincia il costo del servizio delle casette dell’acqua. In questo modo pagherà il servizio solo chi realmente ne usufruirà, turisti compresi, tra l’altro ad un costo irrisorio. (nelle altre città chi utilizza le casette dell’acqua paga 5 centesimi al litro).

Abbiamo ritenuto questa mozione necessaria dopo 15 anni di gestione privatistica del monopolio naturale che ha portato al razionamento delle risorse in provincia, al mancato investimento sulle reti e a una dispersiva e confusionaria gestione dei lavori.

Il nostro è l’ennesimo cambio di passo per Roma con la nostra rivoluzione a 5 Stelle. In meno di due mesi sono state ridotte le perdite di mezzo metro al cubo al secondo dando la possibilità di ridurre i volumi di captazione del Lago di Bracciano. L’intervento sulle perdite di rete per noi sono una priorità e i fatti lo dimostrano. Garantiremo che parte degli utili del gestore diventino investimenti infrastrutturali sui territori. L’acqua è la nostra prima stella. L’acqua è vita e attraverso questa mozione Roma tornerà ad essere ‘madre’ dei territori”. Lo dichiara in una nota Giuliano Pacetti, consigliere M5S di Roma Capitale.

 

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10473 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.