La world music dei Kerkim in tour in giro per l’Europa

Continua la tournée europea dei Kerkim, che dopo aver fatto tappa nei mesi scorsi a Londra (Uk), Sofia e Plovdiv (Bulgaria), dal 5 al 9 luglio saranno protagonisti in Germania e Repubblica Ceca. La band pugliese si esibirà in alcuni importanti Festival e Club portando sul palco un repertorio ricco di contanimazioni e ricerca.




Tanti i chilometri che percorrerà la band per una tournée in stile on the road che li vedrà esibirsi mercoledì 5 luglio al Kulturbrücken Jungbusch di Mannheim (Germania), giovedì 6 luglio nella XX edizione del Festival SchaubudenSommer nella suggestiva Dresda (Germania), venerdì 7 luglio al Pod Hodinama di Kolin (Repubblica Ceca), domenica 9 luglio al Rosa Laub Festival di Vornbach.

Un’idea in continuo movimento, un’appassionata ricerca tra le trame sinuose delle espressioni musicali del Mediterraneo; in viaggio per le capitali europee, sul palco i Kerkim sono Vincenzo Grasso al clarinetto e sax, Morris Pellizzari alla chitarra, Manuela Salinaro al cajon e percussioni.

Il progetto Kërkim nasce a Lecce nel Novembre del 2012 sulla scia di un percorso di ricerca musicale che vuole legare tutte le terre del bacino del Mediterraneo attraverso lo studio delle sonorità: musica mediorientale, flamenco, Balkan, folk salentino e campano, Grecia e Albania. Da quest’ultima terra prende il nome, nel suo significato di ricerca e osservazione, un continuo movimento reso possibile dal dialogo, essenza della worldmusic.

La band intreccia le esperienze e le provenienze musicali di ogni singolo componente, tracciando una strada comune nel viaggio che dalle coste salentine attraversa la Croazia, fa tappa in Macedonia e dalle fisarmoniche Rom arriva ai clarinetti turchi, saluta la Grecia e infine torna in Italia, portando nelle composizioni quelle frequenze, quei ritmi e quei colori, riletti e riarrangiati.

Stefano Manduzio
Informazioni su Stefano Manduzio 347 Articoli
Surfista, videomaker, speaker e ideatore di Radio Fregene. Tra strumenti musicali, una mano di cera sulla tavola, un rendering sul Mac per preparare un video la sua giornata sembrerebbe piena e caotica, ma che in realtà è gestita dai ritmi della terra.