Intervista ad Agnieszka Bender

Lei è la Direttrice dell’Istituto Polacco di Roma.Quest’anno ricorre la Festa per i venticinque di attività dell’Istituto Polacco di Roma. Ci può raccontare la storia di questi venticinque anni?
Quest’anno l’Istituto Polacco a Roma ha compiuto venticinque anni così abbiamo organizzato diversi eventi. Come direttrice dell’Istituto sono qui da qualche mese, esattamente sette mesi. Dunque ho visto che i miei predecessori hanno fatto davvero un grande lavoro e grazie questo lavoro vedo che la cultura polacca è molto ben conosciuta, fra gli italiani e qui a Roma. Quando organizziamo un evento, una presentazione di un film, una presentazione di un libro, un concerto, viene davvero tanta gente che già conosce molte cose sulla cultura polacca. Posso dire che abbiamo lavorato molto per preparare il venticinquesimo anniversario dell’Istituto Polacco e lo abbiamo fatto grazie al Festival della Cultura Polacca Corso Polonia, che compie quindici anni.
Due anniversari in uno?
Sì.
Perché questo Festival?
Per attirare l’attenzione degli italiani e creare tanti eventi attraenti in tanti luoghi diversi della capitale.
Il tema del Festival?
Quest’anno il soggetto scelto è il fiume Vistola, un fiume polacco molto importante: il governo polacco ha deciso che l’anno 2017 è l’anno della nostra “regina dei fiumi”… la Vistola. Il fiume è grande e lungo e le sue sponde bagnano le nostre due principali città: Varsavia e Cracovia.
Ci parli di Cracovia e del castello di Wawel.
Cracovia è una città bella e conosciuta. Abbiamo presentato l’imponente e suggestivo castello di Wawel, nel cuore dell’antico regno polacco, bagnato dalle acque della Vistola. Una leggenda narra di un drago che abitava sotto Wawel e soprattutto abbiamo presentato il castello per un anniversario molto importante sia per noi sia per l’Italia: la visita al castello della regina Bona Sforza cinquecento anni fa. Questa regina è rimasta ancora nella memoria della gente: grazie a lei sono venuti tanti artisti italiani che hanno contribuito allo sviluppo e la diffusione dell’arte rinascimentale in Polonia e in particolare a Cracovia. Al Teatro di Villa Torlonia si è esibita la compagnia di danza Cracovia Danza– molto famosa in Polonia- mettendo in scena balli antichi dell’epoca storica della regina Bona Sforza.
Per Varsavia?
Varsavia l’abbiamo presentata come una città dinamica, una città dove il fiume ha un ruolo molto importante. Durante la seconda guerra mondiale Varsavia è stata quasi rasa al suolo dai bombardamenti- il novantasette per cento della città era un cumulo di rovine- e dopo la guerra i polacchi hanno fatto uno sforzo enorme per riscostruirla, ma non tutti gli edifici sono curati e belli esteticamente. Si poteva pensare, in passato, che i polacchi avessero dimenticato la Vistola, ma non è così: da qualche anno ci sono stati dei lavori lungo il fiume che hanno cambiato il volto del paesaggio. Proprio una mostra fotografica che abbiamo presentato fa vedere la bellezza dei luoghi, l’accoglienza: il lungo fiume è curato, ci sono bar, e verdeggianti “promenade”.
Dall’8 al 24 giugno nell’ambito del Festival Corso Polonia si sono alternate mostre, spettacoli teatrali, laboratori ed è nata  una bellissima iniziativa sul fiume Tevere.
Ci può dire ?
Si tratta di un gemellaggio fra due circoli: il Circolo canottieri Tevere Remo fondato nel 1872, e il Circolo canottieri di Varsavia che è stato fondato nel 1878.Molto entusiasmante! Inoltre, presso il Circolo Tevere Remo, la Warsaw Sentimental Orchestra si è esibita in una serata di musica polacca, stile anni trenta.
Cinema?
Sì c’è stata una sezione di cinema chiamata Giallo sulla Vistola: abbiamo presentato un film di Jacek Bromski, uno di Tadeusz Chmielewski e uno di Jerzy Skolimowski.Tre avvincenti thriller che hanno per protagonista il fiume Vistola: un eroe…per meglio dire-trattandosi della Vistola-un’eroina.
Questi registi provengono dall’Accademia di cinema in Polonia?
A circa centocinquanta km da Varsavia c’è un centro sperimentale di cinematografia -dove ha studiato Andrzej Wajda -che è stato fondato subito dopo la seconda guerra mondiale.
Altre attività dell’Istituto Polacco?
L’Istituto si occupa anche di editoria: ha una biblioteca all’interno e proprio parlando di cinema, cinque anni fa è nato il CiakPolska Film Festival. A riguardo, visto che l’anno scorso, in autunno, è morto il nostro regista Andrzej Wajda, vogliamo organizzare un evento.
Quando?
Sarà ad ottobre, all’interno della manifestazione CiakPolska Film Festival.
La sua attività di professore associato all’Università di Varsavia?
Sono una storica dell’arte e ho insegnato -per venticinque anni -la storia dell’arte decorativa tra la fine dell’ottocento e i primi del novecento. I miei insegnamenti riguardano lo studio degli arazzi e degli oggetti d’arte. In seguito ho ricevuto la proposta di venire a Roma e ho dunque altre competenze qui all’Istituto, ma per una storica dell’arte, vivere in questa città è un vero sogno. Quando ho un po’ di tempo libero mi diletto nel visitare le chiese e i musei: c’è tanto da vedere.
Vuole aggiungere qualcos’altro?
Come ho detto la nostra regina dei fiumi è la Vistola…ma anche il vino polacco è regale! Solitamente questo soggetto non è conosciuto -anche in Polonia è una cosa tutto sommato non così nota- sebbene da un lato sappiamo che nel medioevo si produceva un vino eccellente nelle nostre terre. Certamente i cambiamenti climatici hanno influito molto sulla produzione. Ebbene soprattutto nelle zone non lontane da Varsavia ci sono, oggi, trentadue produttori di vino: due di questi produttori sono stati invitati qui per far conoscere il vino agli italiani, presentando soprattutto vini bianchi. Ho assaggiato questi vini e posso dire che sono molto molto interessanti, sono buoni, un po’ diversi da quelli italiani e francesi, ma secondo me hanno davvero un gusto speciale.




Finale a sorpresa.

E poi c’è stato il “gran finale” con il film La crociera di M. Piwowski, un film un po’ vecchio del 1970 che tutti i polacchi conoscono: la vicenda si svolge in una barca. Il 24 giugno scorso abbiamo lanciato -secondo un’antica tradizione polacca chiamata “wianki” – ghirlande di fiori nel fiume…
Che non era la Vistola, ma il Tevere…
Sì, prima di mezzanotte.
Bellissimo!Grazie per l’ intervista.
Grazie a lei.

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.