Yamaha R1 Cup, fine settimana perfetto per Fabrizio Perotti

Il bresciano del Motozoo Racing Team ha messo a segno sul tracciato toscano una hat trick memorabile, conquistando pole position, giro più veloce e vittoria.

A dispetto di qualifiche senza storia, la gara ha vissuto sullo spettacolare duello tra lo stesso Perotti e il romano Fabio Massei, new entry di lusso del trafo della Casa di Iwata. I due portacolori del team Motozoo Racing si sono scambiati più volte la posizione, dando vita ad un duello duro ma corretto che ha raggiunto il suo apice nello spettacolare sorpasso di Massei sul prato del rettilineo principale ad oltre 250Km/h.

La sfida per la vittoria ha esaltato Perotti, che dopo aver abbassato il tempo della pole 2016 di un secondo e mezzo, ha migliorato di sei decimi anche il best lap in gara della R1 Cup, fissando l’asticella sul crono di 1.53:805.

L’esito della prova disputata sul saliscendi del Mugello ha consentito a Perotti di scalare la classifica di Campionato fino alla terza piazza ad appena 24 lunghezze dal leader Michael Mazzina, salito a 67 punti. Il pilota detentore del titolo ha lottato per tutta la gara per un gradino del podio, ma nella volata finale è stato il campano Agostino Santoro a conquistare la terza posizione. Grazie al quarto posto ottenuto al Mugello Mazzina è riuscito a incrementare a 12 punti la distanza dal primo degli avversari, il sempre costante Norino Brignola, oggi quinto al traguardo dopo un bel duello con Simone Sanna.

Nella sottoclassifica “Pole Time 103%”, decretata dopo le qualifiche di ieri in base al tempo della pole position, la vittoria è andata nelle mani di Roberto Farinelli, che ha preceduto Raphael Keller e Ornella Ongaro.

Prossimo appuntamento il 29 e 30 luglio per il doppio round sul Misano World Circuit Marco Simoncelli

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10474 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.