Intervista a Valentina Ghetti (Attrice che passione!)

La prima cosa che volevo sapere riguarda il personaggio che lei interpreta nel film “Girotondo” regia di Tonino Abballe. Questo personaggio mette a rischio le proprie relazioni familiari per una scelta, che, visto poi come si evolve la storia del personaggio, sembra non dettata dall’amore. A suo avviso che scelta è?
Da parte mia c’è pieno amore e totale consapevolezza per il personaggio femminile che interpreto nel film. In realtà la vicenda ha un finale aperto (il personaggio va a casa dell’amata e scopre che la donna è stata con un’altra persona n.d.r.) che, però,  esclude la mia reazione che c’è stata,  anche se durante il girato del film, non si vede. In sede di montaggio, poi, si è scelto diversamente: nel trailer del film rientro in casa e ho un momento di disperazione scoprendo che la mia compagna mi ha tradito. Personalmente avrei affrontato quella situazione con molta più rabbia.
Le faccio questa domanda perché- talvolta- in alcuni film la presenza di un personaggio omosessuale è ridondante. Qui siamo alla “sparizione “del personaggio: o troppo o troppo poco…
Mi fa piacere questa domanda. Avrei sentito l’esigenza di interpretare il personaggio in tutta la sua evoluzione: ne parlai con il regista, chiedendogli se, almeno sul finale, in una scena corale, fosse stato possibile far riapparire il personaggio, magari con un sorriso, con un dono per il bambino che stava nascendo alla sua ex- compagna. Oppure far vedere lei in una nuova vita o in una nuova relazione. Invece mi è stato detto che era stato scritto così per ottenere un finale aperto. Ho cercato, comunque, di dare il meglio.
E devo dire che il meglio è stato dato…
Credevo molto in quello che dicevo.
Il suo lavoro d’attrice in cinema?
Partiamo dall’ultimo lavoro nel film di Guido Chiesa Classe Z –uscito il 30 di Marzo- dove io interpreto il ruolo di una professoressa del collegio docenti insieme ad Alessandro Preziosi. Oltre al cinema, mi esibisco come attrice comica nella serie televisiva Colorado .
La sua formazione d’attrice?
Ho iniziato a quindici anni a fare questo mestiere, sono di Forlì anche se vivo a Roma da dodici anni. Come tutti noi attori vengo dalla gavetta: ho fatto tanti anni di teatro indipendente, cinema indipendente, scrivo e faccio doppiaggio.
Cinema indipendente?
Ho lavorato come attrice in un film che si chiamava Maremma amara con Giancarlo Giannini, un altro di Tonino Abballe Quel venerdì 30 dicembre e il lungometraggio di Francesco Dominedò 5 (Cinque) che non è ancora uscito, speriamo bene che esca…
Determiniamo che esca e vada bene…altro?




Ho frequentato in Romagna un’accademia teatrale triennale con la Galante Garrone, poi mi sono trasferita a Roma: ho studiato due anni recitazione alla scuola di Francesca De Sapio.Poi ho imparato l’arte performativa con Giancarlo Sepe e teatro danza con Ennio Coltorti e infine ho studiato il “metodo”.
Metodo Stanislaskij?
Si
Tutte queste cosa ce le voleva tenere nascoste?
Talento sprecato (ride n.d.r.) Qui bisogna che il cinema italiano faccia uscire tutti quelli che hanno talento.
Una bella formazione…
Ho sempre creduto nella vocazione dell’attrice non sono tanto malata di cinema e di teatro quanto del mio mestiere quello dell’attore, è un mestiere come lo è quello dell’imbianchino, dell’insegante …va costruito giorno per giorno, bisogna lavorare, lavorare tanto, il nostro strumento sono le emozioni e il cuore. Lavoro costante su di me sull’energia.
Ci può chiarire?
Nel senso che il lavoro quotidiano dell’attore è saper riequilibrare le energie corporee.
Ma non separando il corpo dalla mente… essendo noi unicità di cuore mente e spirito.
Sì.
Nella recitazione lei ha avuto degli ottimi insegnanti. Il fatto che ci sia la tendenza a produrre film dove il dialetto- ad esempio lo slang romano- è un linguaggio sempre più utilizzato, rischia, secondo lei di inficiare l’interpretazione dell’attore?
A mio avviso lo slang è per lo più romanocentrico, si usa il napoletano perché magari fa parte di un filone di un certo tipo di cinema. Prima lo slang nel cinema era occasionale e la recitazione era in perfetto accento italiano -era importante che l’attore avesse una dizione perfetta -affinché si potesse raggiungere la naturalezza pur passando attraverso la finzione e si potesse comprendere ovunque. Adesso sta succedendo il contrario: o hai quella parlata lì o è come se non si possa fare cinema.
Ultimo lavoro in teatro?
Ho finito, da poco, uno spettacolo Fassbinder/ Von Kant tratto dall’opera di Fassbinder Le lacrime amare di Petra Von kant, regia di Luca Gaeta, con Lucia Amendola e Caterina Gramaglia. Stiamo parlando di avanguardia tedesca degli anni 70.
Dove?
Al Teatro Stanze Segrete: per Fassbinder la realtà si raggiungeva attraverso l’ estrema artefazione. Noi attori all’inizio eravamo spaventati perché non siamo più abituati a quel livello di linguaggio teatrale. Invece poi abbiamo scoperto che se tu entri in quel meccanismo lì il pubblico capisce e lo vive entrandoci in maniera ancora più forte: non è assolutamente vero che una forma molto codificata non funzioni. Tutto sta nell’animo.
Altro teatro?
Faccio parte da cinque anni di un gruppo teatrale che mette in scena uno spettacolo che si chiama Le Dissolute assolte ovvero le donne del Don Giovanni: spettacolo scritto e diretto da Luca Gaeta. Un lavoro che ormai fa parte della mia vita.
Una compagnia stabile, dunque.
Sì, nata underground…
Questo è uno spettacolo itinerante a lume di candela, dove gli spettatori conoscono le vicende del Don Giovanni attraverso i racconti delle donne che lui ha sedotto e abbandonato. E’ uno spettacolo al quale tengo moltissimo. Ho realizzato spettacoli come La gabbia di carne- drammaturgia e regia di Luca Gaeta- che racconta una vicenda di dolore che ho vissuto, che mi ha accompagnato per una parte della mia vita e che ho trasformato grazie all’arte. Naturalmente poi faccio l’attrice comica…
Saper recitare l’arte comica è più difficile…
E’ difficilissimo
Che sceneggiature ritiene si scrivano in Italia rispetto a quelle degli altri paesi?
Ho letto opere potenti di sceneggiatori bravissimi. In Italia c’è una manovalanza nel cinema che è prima in tutto il mondo: il problema dell’Italia è la distribuzione cinematografica. Un produttore non vuole rischiare e tante sceneggiature -che non sono di garanzia commerciale -sono accantonate rispetto a progetti più Mainstream: quindi c’è un certo tipo di cinema che è penalizzato. Ma esistono bravissimi attori, bravissimi registi e bravissimi sceneggiatori.
E quindi devono far manifestare nella loro esistenza, la verità.
Quello che sto facendo io come attrice è di autoprodurre le opere: se si ritiene di avere dei bei progetti bisogna rimboccarsi le maniche e portarli avanti.
Volevo chiedere riguardo alle sovvenzioni pubbliche e le leggi per il teatro. La vostra compagnia riceve delle sovvenzioni?
No! Tra l’altro abbiamo scoperto che lo Stato mette a disposizione del denaro attraverso dei bandi pubblici ma tantissimo denaro non è utilizzato perché in realtà la gente non sa dell’esistenza di questi bandi: la burocrazia rende tutto complicato e le informazioni si disperdono.
Progetti futuri?
Metterò in scena uno spettacolo con Massimiliano Vado che ho scritto io con Antonia Brancati ed Enrico Luttmann: siamo alla ricerca di un teatro per la prossima stagione. Poi c’è Colorado e in più un mio progetto cinematografico di fantascienza.
Ringraziamo Valentina Ghetti e buon lavoro
Grazie,arrivederci

 

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 236 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.