Moto3: Mir imbattibile, vince al Sachsenring

Ancora Joan Mir, ancora una vittoria. Di forza, spettacolare e di sostanza per il portacolori Leopard Racing. In Germania il pilota di Palma di Maiorca fa sua la sua quinta gara stagionale dando prova di una superiorità difficilmente contenibile. L’allungo in campionato continua anche grazie allo zero di Aron Canet (Estrella Galicia 0,0) che, partito dalla pole, finisce nella ghiaia dopo aver perso posizioni.

Romano Fenati ci prova fino alla fine ma è secondo; per il pilota Marinelli Rivacold sono venti podi in carriera. Terzo Marcos Ramirez (Paltinum Bay Real Estate) per la prima volta nelle posizioni che contano. Per molti passaggi nei primi cinque lottano tre piloti italiani. Tra questi Tony Arbolino, giovane rookie del team Sic58 Squadra Corse che, dopo una gara superlativa, cade. Quarto finale Nicolò Bulega (Sky Racing Team VR46).

Dopo la pioggia che ha caratterizzato le libere e le qualifiche, la domenica al Sachsenring si apre con un sole splendente e condizioni della pista buone. La prova della piccola categoria si svolge con temperature in aumento e un tracciato nella totalità asciutta. Canet scatterà dalla pole position affiancato da Mir. Bulega chiude la prima fila, in seconda Arbolino, autore delle sue più belle qualifiche. Il lombardo darà vita ad una gara maiuscola ma con un epilogo amaro. Tutti i piloti hanno scelto Dunlop a mescola dura eccetto Romano Fenati, pilota Marinelli Rivacold, con gomme medie.

Proprio l’ascolano è un fulmine allo spegnersi del semaforo; esce veloce dalla seconda fila ed è subito in coda ai battistrada. Per diverse volte passa al comando e verso metà della corsa abbassa il ritmo restando in terza posizione, una tattica per risparmiare le mescole e dare tutto nel finale. Così sarà e a meno due giri dalla fine prova a comandare la corsa. Mir però lo riaggancia e all’ultimo passaggio lo attacca. Fenati prova a risponder ma sulla retta finale è secondo, al quinto podio stagionale.

Mir parte bene ed è davanti. Comanda la corsa sin dalle prime curva cedendo poi al sorpasso di Fenati. A meno quindici passaggi dalla fine il migliore della classe è davanti provando a staccare gli inseguitori. Per ora non ci riuscirà ma ritorna nel finale e mette in pista una dimostrazione di forza da vero leader. Fenati prova a stargli davanti ma inutilmente. Mir lo mette nel mirino e alla curva 12, nel corso dell’ultimo giro, lo supera andando a vincere ancora volando a più trentasette punti iridati sull’italiano.

Marco Ramirez, scattato dalla seconda fila, resta in coda alla Honda colorata Leopard; a metà del secondo giro ha la meglio sul maiorchino che poi lo supera. Al decimo passaggio il pilota di Conil de la Frontera è terzo. È escluso dal duello per la vittoria e taglia il traguardo a 0,2s circa dal primo salendo sul gradino più basso del podio.

In partenza Bulega sembra attardato ma dopo un giro recupera. Nel corso del quarto passaggio mette la sua KTM davanti alla Honda numero 14 del team Sic58 e si lancia all’inseguimenti dei primi. Sono sorpassi e contro sorpassi. A meno nove giri dalla fine i due italiani pagheranno un ritardo di circa un secondo dai primi tre e, dopo la caduta di Arbolino, Bulega chiude come quarto a circa 5 secondi da Mir.

Arbolino inizia la sua gara forte, resta subito con i migliori e al primo giro è quarto. Continua lottando con gli altri piloti di testa che dopo venti giri hanno già oltre 4 secondi sugli inseguitori. Bello il duello tutto italiano con Bulega e ‘l’artista della moto’ è pronto a giocarsi la quarta piazza finale con il pilota Sky Team. Al diciannovesimo giro però l’amaro epilogo: Arbolino perde l’anteriore tra le curve 2 e 3, cade ed è costretto al ritiro. Resta in corsa il secondo pilota della scuderia di Paolo Simoncelli, Tatsuki Suzuki, che terminerà come nono.

Canet, che ha perso posizioni al via, sembra non mantenere il ritmo dei più veloci. Il secondo in campionato resta nel gruppone degli inseguitori impegnato nella lotta con il compagno di box Enea Bastianini. Canet poi sprofonderà oltre la decima piazza cadendo alla curva 12 nel corso del sedicesimo passaggio e perdendo la seconda posizione iridata.

Gara chiusa al sesto posto per Bastianini, autore di una un’altra prova segnata dal recupero di condizione dopo l’inizio di stagione al di sotto delle aspettative.

Prova in salita, un po’ come tutto il fine settimana, per Fabio Di Giannantonio (Del Conca Gresini Moto3). Il romano, partito dalla ottava fila è undicesimo sul traguardo dopo una bella rimonta.

La prima Mahindra è quella di Marco Bezzecchi, scuderia CIP, quindicesimo.

Fonte: motogp.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9676 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.