Di Maio: “Gentiloni inaugura, i Carabinieri sequestrano”

Circa un mese fa il Presidente del Consiglio dei Ministri ha inaugurato la stazione dell’alta velocità di Afragola.
Gli avevamo detto di non farlo. Era ancora un cantiere aperto e tra le altre cose è oggetto di una faida di camorra.




Ma non ci ha ascoltati. Ha voluto tagliare per forza il nastro. Poi dopo qualche giorno si è scoperto che:

– Bar e parcheggio non potevano essere aperti, poiché il Comune di Afragola ha rigettato la richiesta di Scia. Per il bar, che è stato chiuso, è stata emessa una multa pari a 5 mila euro.
Il parcheggio incassava in assenza di autorizzazione ed è stato inibito.

– L’impianto di climatizzazione e riciclo d’aria era sprovvisto del motore.

– Le uscite di sicurezza davano sull’area del cantiere ancora aperto.

– La stazione non era dotata di kit pronto soccorso nè defibrillatori.

– Il servizio taxi non poteva essere effettuato in mancanza di un bando di concorso per il rilascio delle concessioni.

– Il sottopasso è stato chiuso per mancanza di collaudo di pompe di sollevamento delle acque piovane.

Non vengano a dirci che sono stupiti. Lo sapevano e gli era stato detto. Hanno preso in giro i cittadini con l’ennesimo spot.

Ora si sbrighino a terminare i lavori (davvero) e ci risparmino l’ennesima farsa del taglio del nastro.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8630 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.