Latitante romano nascosto in Polonia rintracciato dalla polizia: ricercato per bancarotta fraudolenta e ricettazione

Si era rifugiato in Polonia, Gabriele FERZI, romano, 64 anni, latitante da 5, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, tributari, violazione della normativa sugli stupefacenti, truffa, falso, porto abusivo di armi e sequestro di persona a scopo di rapina.




Il suo periodo di latitanza è terminato allorquando, su specifiche e dettagliate indicazioni degli investigatori della Squadra Mobile della Capitale, la Polizia Nazionale polacca C.B.S.P. (Servizio Investigativo Centrale – Dipartimento Fuggitivi e Latitanti) lo ha rintracciato all’interno di un palazzo nella città di Stalowa Wola.

All’individuazione si è giunti grazie ad un’approfondita indagine, svolta con l’ausilio di attività tecniche e accertamenti informatici, che ha consentito di localizzare con certezza l’appartamento occupato dal latitante.

Fondamentale la collaborazione dell’Interpol, grazie al suo ruolo di coordinamento centrale e periferico, effettuato grazie alla presenza a Varsavia dell’”esperto per la sicurezza” presso l’ambasciata italiana in Polonia, funzionario appartenente alla Polizia di Stato.

Era ricercato dall’Autorità Giudiziaria di Brescia; nei suoi confronti era stato emesso un ordine di carcerazione per diversi reati, cumulati in un unico provvedimento restrittivo di pene concorrenti emesso dall’Ufficio Esecuzioni della Procura della Repubblica di Brescia nel 2012 per bancarotta fraudolenta e ricettazione.

Gli erano state comminate, quali pene accessorie, l’interdizione dai pubblici uffici, l’incapacità di contrattare con la Pubblica Amministrazione, l’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale e l’incapacità dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese.

Durante il periodo di latitanza aveva mantenuto rapporti, oltre che con i propri familiari, con correi e con persone legate alla criminalità romana con contatti anche con noti esponenti della banda della Magliana.

Dovrà scontare 9 anni 4 mesi e 29 giorni di carcere.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10158 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.