Rugby a 13, Lirfl, L’Aquila e Crociati fanno festa, in semifinale anche Gladiators e Hammers

Il campionato della Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl) sta per arrivare alle sue battute decisive. Nello scorso fine settimana si è giocato sia al sud che al centro Italia: i Crociati, formazione calabrese, hanno battuto per 46-40 la Syrako nel match disputatosi a Siracusa, mentre L’Aquila Neroverde si è imposta a Tor Bella Monaca (Roma) sui Gladiators per 48-38. Due partite estremamente combattute, anche se i Crociati partivano comunque con il vantaggio del netto successo ottenuto all’andata tra le mura amiche, mentre nel girone dell’Italia centrale era presente anche la novità abruzzese di Sulmona. Per questo motivo la formazione capitolina dei Gladiators ha comunque guadagnato il passaggio alle semifinali dove sarà ospite degli umbri degli Hammers, mentre l’altro abbinamento (effettuato con sorteggio) sarà quello tra L’Aquila Neroverde e Crociati, con gli abruzzesi a godere del vantaggio del fattore casalingo. «Purtroppo siamo sfortunati da quel punto di vista – sorride Lorenzo Imbalzano, capitano dei Crociati e giocatore della Nazionale di rugby a 13 – Per il terzo anno giocheremo in trasferta la semifinale, evidentemente il sorteggio non è benevolo. Tra l’altro affronteremo forse la squadra più accreditata, ma noi scenderemo in campo per fare loro un bello scherzetto. Inoltre sarà una sorta di “rivincita” per loro che l’anno scorso persero la finale scudetto con Reggio Calabria, squadra da dove abbiamo pescato tanti ragazzi quest’anno. Mi farà piacere, comunque, ritrovare amici come coach Alessandro Marozzi». Sulla gara dei Crociati a Siracusa, Imbalzano sottolinea che «abbiamo avuto di fronte una squadra molto diversa da quella fragile dell’andata ed è stata molto dura. Sono contento della risposta che hanno dato i nostri ragazzi, significa che stiamo costruendo qualcosa dietro al gruppo dei più grandi». C’è attesa anche in casa aquilana dopo la bella vittoria in terra capitolina sui Gladiators. «Faceva un gran caldo – dice proprio il tecnico dell’Aquila Neroverde Alessandro Marozzi -, ma il gruppo ha dato un’eccellente risposta contro un avversario tosto come quello romano. Nonostante qualche assenza per motivi di studio, abbiamo avuto una buona risposta dai ragazzi che sono scesi in campo e questo ci conforta. Ci danno per favoriti? E’ un ruolo che ci prendiamo senza paura: dopo la finale scudetto persa lo scorso anno, vogliamo cercare di arrivare fino in fondo. Sappiamo che la concorrenza è notevole perché Hammers, Crociati e Gladiators sono squadre di grandissimo valore, ma proveremo a spuntarla».