Francesco Paolini nella Top Five del Rally Alta Val di Cecina

E’ un risultato andato oltre le aspettative, quello conquistato da Francesco Paolini sull’asfalto del Rally Alta Val di Cecina, appuntamento valido per il Campionato Regionale Rally andato in scena nel fine settimana a Castelnuovo Val di Cecina. Una quarta posizione assoluta al primo utilizzo della Renault Clio R3C, vettura da 2000 cc con la quale il pilota di Montieri ha confermato le proprie qualità velocistiche andando a cogliere un piazzamento di assoluto livello, sulla scia di vetture ben più performanti.




Assecondato alle note da Marco Nesti, copilota con il quale ha condiviso nella passata stagione la vittoria di raggruppamento nel campionato Ircup, Francesco Paolini ha fatto leva su una tattica volta alla prudenza nella fase iniziale di gara – con i chilometri disegnati nella prova spettacolo di Pomarance percorsi con l’intento di approfondire la scarsa conoscenza della vettura – per poi ritagliarsi un ruolo di primo piano nella fase centrale, quando il cronometro ha reso merito al portacolori della scuderia Jolly Racingteam con una terza posizione assoluta provvisoria.

Ristabiliti gli equilibri tra i legittimi pretendenti al podio finale, riservato a vetture di ultima generazione, Francesco Paolini ha concretizzato la propria performance con una seconda piazza tra le “due ruote motrici” ed una quarta posizione assoluta, risultato che ha confermato ottime qualità di adattamento sull’esemplare messo a disposizione dal team SMD Racing.

“E’ un risultato che mi appaga e che condivido con Marco Nesti, sempre preciso alle note – il commento di Francesco Paolini a fine gara – viste le forze in campo ed i riscontri conseguiti in questo nostro primo approccio con la Renault Clio R3 non potevamo ambire ad una posizione migliore. Le sensazioni sono estremamente positive, davanti a noi hanno concluso vetture certamente più performanti quindi c’è di che essere soddisfatti. Credo ci siano ampi margini di miglioramento, parliamo di una vettura professionale che, di conseguenza, richiede un periodo di adattamento alle sue caratteristiche”.