Perché il mercato chiede sempre di più reti metalliche in acciaio inox?

L’utilizzo delle reti metalliche è ormai trasversale in svariati settori industriali: le possibilità tecniche di produrre reti resistenti alla corrosione, e di decidere con libertà quasi assoluta le dimensioni e le forme sia dei fili metallici che delle maglie, ne hanno fatto un semilavorato di larghissima applicazione.




Tuttavia, fra tanti tipi di reti metalliche, quelle più richieste sul mercato sono, in maniera crescente, quelle di acciaio inossidabile. Qual è la ragione di una preferenza così marcata?  La spiegazione va cercata nelle superiori prestazioni meccaniche offerte da questo materiale rispetto a tutti gli altri disponibili.

Sebbene infatti la terminologia di “Acciaio Inossidabile” sia quantomeno generica – sono dozzine le diverse specifiche composizioni dell’acciaio che vengono radunate sotto questo nome universale, ciascuna dotata delle proprie caratteristiche peculiari – esiste una serie di tratti che è condivisa da tutti gli acciai inox, e che è particolarmente appetibile per molte aziende differenti.

La resistenza alla corrosione
Nella configurazione standard dell’acciaio inox sono presenti un 8% di nickel e un 18% di cromo, in lega. È di fatto questa alterazione dell’acciaio (che è, di base, semplicemente composto di ferro e carbonio) a conferire all’inossidabile la sua celebrata resistenza alla corrosione. In molti ambienti applicativi, da quelli sommersi a quelli con elevate concentrazioni di umidità o salinità nell’aria, questo tratto è già sufficiente a rendere le reti metalliche di acciaio inox l’unica scelta sensata, dato che possono resistere a lungo senza danni dove reti di altri materiali diventano presto inservibili.

La tolleranza alle temperature e alle pressioni
Oltre alle proprietà chimiche, che lo rendono resistente all’umidità e quindi alla corrosione, l’acciaio inossidabile utilizzato per la fabbricazione delle reti metalliche ha anche delle caratteristiche fisiche e meccaniche di altissimo profilo, che si rivelano preziose nelle applicazioni industriali. Gli estremi di temperatura, sia alti che bassi, non rappresentano un problema per una rete in acciaio inox, e un appropriato trattamento permette anche alla rete di resistere a pressioni elevatissime – come, ad esempio, quelle presenti in una conduttura dove la rete fa da filtro, oppure quelle generate dalle colate di calcestruzzo dove gabbie di rete metallica costituiscono l’armatura di un pilastro.

La manutenzione ridotta
Proprio l’altissima resistenza al danneggiamento e al degrado chimico esibita dalle reti in acciaio inossidabile ha una precisa conseguenza: le operazioni di manutenzione richieste per mantenere tutto in efficienza si fanno molto meno numerose e complesse. Le sostituzioni, così frequenti con materiali di caratura inferiore, si fanno rare, con conseguenti risparmi di tempo e denaro; e la funzionalità non viene mai compromessa, permettendo una maggiore efficienza.

Nota: le notizie necessarie a scrivere questa breve analisi sono state fornite dallo staff di Larioreti  (www.larioreti.com), un’azienda di lecco specializzata nella produzione di reti metalliche su misura.