Civiltà Perdute (Eldorado o giù di lì…)

Marzo 1906, Inghilterra. Ufficiali in divisa danzano, dopo una battuta di caccia. Panoramica di uno sconfinato prato verde: inquadrature “pittoriche” del maggiore Fawcett e di sua moglie Nina (la brava e intensa Sienna Miller già interprete del film La legge della notte di Ben Affleck). Aprile 1906: il maggiore Fawcett è in viaggio verso il Sud America e incontra mister Costin -un Robert Pattinson, quasi irriconoscibile sotto una folta barba e molto dimagrito, ma intenso e bravissimo per tutta la durata del film-che è assoldato come secondo ufficiale per la magnifica impresa che è sì un’impresa da esploratori, ma solo per veri militari. Profondità di campo della lunga stiva della nave: il fido Costin beve un alcolico dalla bottiglietta stile coloniale, in voga all’epoca. Passaggio dal transatlantico all’affollato treno di notte dove i due protagonisti consultano una carta geografica – veramente pregevole la fotografia di Darius Khondji (autore di Se7e, Amour) e sapiente il montaggio di Lee Haugen (Dope, Papillon)- che traccia il loro cammino verso la Bolivia in piena foresta pluviale. La macchina da presa riprende dal basso gli alberi e il movimento degli uccelli. La spedizione arriva alla Fazenda Giacobina per “acquistare” uno schiavo. Benché ad accoglierli ci sia la messa in scena di un’opera cantata in costume e orchestra, Il divertissement è solo un diversivo perché alla fazenda si lavora durissimo: si estraggono l’oro e il caucciù in pieno regime colonialista. Il cattivo della situazione- che gestisce la baracca- è il Barone De Gondoriz (Franco Nero versione meno decadente del Jonny Deep in “The Libertine” 2005) circondato da schiavi e servitù in livrea. Stacco della macchina da presa che riprende il fiume nella foresta: quando il movimento della cinepresa circolare circonda la zattera, fa pensare allo storico movimento della macchina da presa nel film di Aguirre furore di Dio (1972 regia di Werner Herzog). Tuttavia in Aguirre furore di Dio per tutto il  tempo, la macchina da presa riprendeva la zattera da molta distanza, lasciando “soli” gli spagnoli atterriti da un’angoscia di morte imminente, con l’occhio folle di Kinski, in primissima inquadratura: il colonialista è alla resa dei conti con il suo nemico, fantasmagorico e onnipotente quanto “il furore di Dio” e viene annientato da questa solitudine in mezzo ad un fiume sempre più insidioso. In Civiltà Perdute, la suspence dell’attesa dura poco, il thriller s’insinua senza particolari significati: una fitta pioggia di lance e frecce ricopre la zattera e causa la caduta in acqua di due membri dell’equipaggio. Passa il tempo e si rigetta sangue, s’infettano ferite, ma si va avanti, facendo i duri. L’indio -con i segni delle frustate sulla schiena-dice che il fiume è pericoloso e la zattera è sempre più un lazzaretto. Un tentativo di ammutinamento è stroncato dal vigoroso e incisivo Costin /Pattinson con un preciso colpo di rivoltella. Effetto rallenty per enfatizzare il movimento del maggiore Fawcett che punta” il suo lunghissimo e potentissimo fucile contro il “nemico”. Bang, bang!Spari verso la foresta…ma si deve tornare a casa è troppo pericoloso. Le gesta dell’esploratore fanno notizia nel Vecchio Continente: al suo ritorno l’esploratore è accolto da vero eroe. La prossima spedizione sarà quella decisiva? Esiste questa terra chiamata Z, quest’ antica civiltà perduta ?Finale tutto da scoprire… Un film epico di ampio respiro e impatto, ben girato che si lascia seguire.
Da vedere!




Notizie sul film, appunti.
Civiltà Perdute narra l’epopea Percy Fawcett maggiore dell’esercito britannico realmente vissuto nel secolo scorso che ha dedicato la sua vita alla scoperta della famigerata terra “Z”.La storia di Fawcett ha ispirato il regista sceneggiatore James Gray che per scrivere la sceneggiatura del film si è ispirato a un romanzo di David Grann: il personaggio “storico” dell’esploratore Fawcett aveva a sua volta ispirato Arthur Conan Doyle nel suo romanzo di fantasia “Il mondo perduto”. Lo scrittore Grann era entrato in possesso di carte e documenti dell’esploratore: carte scritte di suo pugno su un diario. L’atmosfera fascinosa della rotta segreta verso la terra “Z” si respira tutta nel film: Il regista è stato molto attratto dall’idea di girare un film sul romanzo di Grann -La città perduta di Z- che è appunto il racconto di un’ossessione mortale in Amazzonia. Il film e il libro- a quanto dichiarato da autore e regista del film- si scompletano molto bene. La storia abbraccia un paio di decenni che hanno rivoluzionato l’Europa con il primo conflitto mondiale. L’accostamento di Civiltà Perdute con il film della saga “Indiana Jones” sembra ingeneroso per ambedue i registi, che hanno espresso opere differenti, pur essendoci un legame in qualche modo tra i due film e tra i personaggi.La cosa interessante è che le missioni nella giungla dell’esploratore hanno realmente appassionato migliaia di lettori dell’epoca (e forse anche oggi.).”Tutti seguirono la spedizione di Fawcett” è stato dichiarato dall’autore del film.La gente si chiedeva il motivo del suo ritorno della spedizione e voleva che a quella ne seguisse un’altra ancor più avvincente. Furono inscenati spettacoli e ballate, nonché canzoni ispirate ai personaggi dell’impresa. Questo moderno Eracle ha dovuto superare molte prove in condizioni climatiche difficilissime, cercando un continuo scambio con gli indios: a un certo punto si sentirà di appartenere a quella comunità di “selvaggi”.Il film è stato girato realmente nella giungla . “Siamo stati tutti i giorni, per mesi, con sabbia e pulci addosso” ha dichiarato Robert Pattinson.
Titoli di coda
Civiltà Perduta
Scritto e diretto da James Gray
Con Charlie Hunnam, Robert Pattinson, Sienna Miller
Brad Pitt produttore esecutivo

Distribuito da Eagles Pictures

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.