Moto3: Canet superlativo, vice il TT di Assen

Un finale infuocato chiude l’ottava gara stagionale della categoria cadetta. Ad Assen va in scena una corsa da batticuore e vince Aron Canet (Estrella Galicia 0,0). Piazza d’onore di forza per Romano Fenati (Marinelli Rivacold) che precede sul traguardo John McPhee (British Talent Team). Nella battaglia finale questa volta non riesce ad avere la meglio il leader iridato Joan Mir (Leopard Racing) che chiuderà come nono mantenendo comunque il primato in classifica generale.




La prova della categoria cadetta si svolge su pista dalle condizioni incerte. Dopo la pioggia che ha caratterizzato il warm up ha bagnato l’asfalto si sta asciugando rapidamente e per i piloti la scelta è ricaduta su Dunlop a mescola media. Pole position di Jorge Martin (Del Conca Gresini) affiancato da Bo Bendsneyder (Red Bull KTM Ajo) con Mir in apertura della terza fila. Per il pilota olandese, già veloce sin dalle libere, una gara all’attacco ma che termina con uno zero dopo essere caduto sul rettilineo del traguardo. Notizia della mattina la defezione di Niccolò Antonelli, pilota Red Bull KTM Ajo che ha accusato un infortunio alla spalla dopo la caduta in FP3.

Inizia la gara della classe cadetta e, dopo i naturali cambi di posizioni delle prime tornate, a meno dieci passaggi dalla fine Marcos Ramirez e Aron Canet recuperano sui primi. Il pilota Estrella Galicia 0,0, al momento terzo in campionato, era stato anche vittima di un fuori pista dopo essere partito dalla sesta casella, ma diventa il mattatore della gara. Sale al comando e perde posizioni; nell’ultimo giro, con una manovra spettacolare, ha la meglio su Fenati e taglia il traguardo come primo. Per lui è il secondo successo stagionale e la stessa posizione in classifica generale ai danni dell’italiano. Ramirez invece chiude come sesto.

Pronto a dare battaglia dallo spegnersi del semaforo anche l’ascolano che ha iniziato la sua ottava gara stagionale dalla quindicesima posizione. In due giri Fenati è stato protagonista di una rimonta spettacolare fino a chiudere sui primi tre lottando, dopo pochi passaggi, con il pilota di casa su KTM. A meno sedici giri dalla fine il numero 5 prova ad allungare ma viene ripreso. A fine corsa è lì davanti e nelle ultime curve compie un sorpasso da replay che lo mette al comando della corsa. Solo Canet riesce a domarlo e alla fine chiude in piazza d’onore. Nel finale per la vittoria anche il suo compagno di box Jules Danilo, quinto.

“È stata una gara fantastica, il primo podio qui ad Assen”. Sono le parole, a caldo di Fenati. “Negli ultimi giri ci siamo battagliati senza risparmiarci. Alla fine McPhee, Canet e Mir si sono dati fastidio prima del lungo rettilineo e mi hanno lasciato la traiettoria migliore libera. Lì, ho provato a mettermi davanti. Sapevo di non dover uscire primo dall’ultima curva ma ho pensato che avevo un margine sufficiente per provarci. Non ho tenuto conto del vento contrario e anche se un po’ distante, grazie alla scia, Canet è riuscito a superarmi. Vabbè, ci ho provato”. Termina, “Sono comunque felicissimo, abbiamo recuperato punti importanti su Mir e mi piace tanto anche il Sachsenring”.

Lì a lottare con i primi John McPhee. Dopo sedici giri lo scozzese occupa la quinta posizione e nell’ultimo passaggio resta terzo tagliando il traguardo sul gradino più basso del podio, il suo terzo stagionale.

Parte bene dalla pole position Martin che detta il passo sin dalle prime curve. Dopo qualche giro allarga la traiettoria e perde posizioni ma a meno dieci passaggi dalla bandiera a scacchi è al comando della gara. Nella battaglia degli ultimi giri però cede e chiude di poco lontano dal podio come quarto.

Allo spegnersi del semaforo, Mir mantiene le posizioni di testa. Resta agganciato ai primi arrivando a comandare la gara ma nella bagarre dell’ultima tornata cede il passo agli avversari e termina la gara al nono posto.

Ottimo avvio di Tatsuki Sukuki che, scattato dalla decima casella, rimonta sui primi insieme ad Adam Norrodin (SIC Racing): sarà ottavo mentre il malese cade all’ultima curva dopo un contatto con Gabriel Rodrigo e il pilota RBA Racing è settimo.

Nicolò Bulega, che ha iniziato la sua gara dalla prima fila, perde posizioni e dopo un giro è in discesa oltre la top ten. La gara dell’ex rookie dello Sky Team VR46 non sarà esaltante e terminerà con il decimo posto. Più arretrato Andrea Migno, il compagno di box, quattordicesimo finale mentre Fabio Di Giannantonio del team Del Conca Gresini sarà vittima di una caduta nel corso del terzo giro.

Scivolata anche di Enea Bastianini (Estrella Galicia 0,0) alla curva 16. Il numero 33, partito dalla sesta fila si ritirerà. Caduta anche per Manuel Pagliani (CIP Mahindra) mentre il compagno di box Marco Bezzecchi, autore del quinto tempo delle qualifiche, chiude la prova di Assen come sedicesimo.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8911 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.