Amatrice, Pirozzi: “Preoccupazione sulla ripresa delle attività, il commissario intervenga”

Forte la preoccupazione dell’Amministrazione comunale di Amatrice che, dall’analisi dei primi provvedimenti di concessione di contributi alle imprese per l’acquisto dei beni mobili strumentali danneggiati o distrutti dal sisma – pubblicati sul sito dell’Ufficio Speciale Ricostruzione Lazio – ha riscontrato una altissima percentuale di “tagli” alle spese proposte dalle imprese di Amatrice per l’acquisto di beni strumentali essenziali per la ripresa e piena funzionalità delle attività produttive.




Si tratta di beni strumentali indispensabili (banconi, frigoriferi, stigliature, forni, ecc), senza i quali l’impresa non può riaprire, e i “tagli” sono molto consistenti, per decine di migliaia di euro ad impresa, e che in alcuni casi portano addirittura a zero euro il contributo concedibile.

“Si tratta di tagli conseguenti alle condizioni di accesso al contributo previste nell’Ordinanza del Commissario Errani, e che l’Ufficio per la Ricostruzione ha semplicemente applicato”, spiega il Sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. Che aggiunge: “Da una analisi dei primi provvedimenti pubblicati sembrerebbe che i tagli derivino dalla mera impossibilità, da parte delle imprese, di produrre documenti contabili, come ad esempio le fatture di acquisto, rimaste sepolte sotto le macerie”.

“L’ordinanza – spiega il Sindaco Pirozzi – “prevede che i beni per cui oggi l’impresa chiede il contributo debbano trovarsi nel libro inventario o libro cespiti ammortizzati (per le imprese in regime di contabilità ordinaria) oppure debbano produrre le copie delle fatture di acquisto di quei beni (se l’impresa opera in regime di contabilità semplificata). E’ chiaro che in una piccola realtà fatta di microimprese, come quella di Amatrice, sono tantissime le aziende che operano in regime di contabilità semplificata, e quindi esentate dalla tenuta dei libri inventario e cespiti, e che non sono in grado di presentare i documenti contabili relativi alle fatture in quanto seppelliti sotto le macerie, oppure perché li hanno ricevuti in eredità da qualche familiare. Ma credo che se il principio ispiratore della norma è stato – come giusto – quello di mettere in condizioni le imprese di riacquistare i beni strumentali per riaprire al più presto la loro attività, gli esiti di questi giorni ci dicono che la norma, così come scritta, non ci ha portato al risultato voluto. In questo modo le attività produttive di Amatrice non potranno riaprire, troppi i costi da sostenere, e ciò rende vano ogni altro provvedimento sin qui adottato dal Governo, dalla no tax area, alle SAE, alla scuola, perché senza i nostri commercianti e artigiani Amatrice è destinata a morte sicura.”

“Per questo motivo domani 26 giugno, assieme al Vicesindaco Patrizia Catenacci, vedrò il Commissario Errani, a margine dell’incontro già fissato con il Premier Gentiloni. Sono sicuro che il Commissario saprà accogliere le giuste istanze di questo territorio martoriato e saprà trovare soluzioni adeguate affinché sia garantita la ripresa delle attività produttive di Amatrice. I nostri commercianti e i nostri artigiani hanno dimostrato in questi 10 mesi di essere fortemente attaccati alla loro città, e hanno voglia di ripartire. Non lasciamoli soli. Io non lo farò, a costo di ricorrere alla Contea, ossia al fondo delle donazioni, frutto della solidarietà e generosità degli italiani e del mondo intero”, conclude Pirozzi.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10162 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.