Suonano le campane della Cattedrale per il MotoGP™

Il giovedì che precede il fine settimana di MotoGP™ è usualmente palcoscenico della conferenza stampa con i piloti del momento. Da oggi, 22 giugno, si apre ufficialmente l’ottavo appuntamento dell’anno e, ad accogliere le tre classi del campionato motociclistico più seguito al mondo, ora è il mitico tracciato della Drenthe alle porte di Assen. Al circuito dei Paesi Bassi si corre del 1925 e l’asfalto olandese ha fatto la storia più di ogni altro. Come spesso capita a queste latitudini, e come è accaduto l’anno scorso, da tenere in considerazione sarà il mutare climatico con alte temperature e il sole che potranno lasciare spazio al freddo e alla pioggia.

Ai microfoni dei media si presentano Maverick Viñales, leader della classe e portacolori Movistar Yamaha, Andrea Dovizioso (Ducati Team), in grande ascesa grazie ai due recenti successi al Mugello e a Montmeló e secondo in classifica iridata a meno sette dalla vetta. Presenti alla conferenza stampa anche Marc Marquez (Repsol Honda), Johann Zarco (Monster Yamaha) e Jorge Lorenzo (Ducati Team). A rispondere alle domande di giornalisti anche Alex Rins, esordiente del team Suzuki Ecstar che rientra in corsa dopo un lungo stop per infortunio e Cal Crutchlow, pilota HRC che ha recentemente rinnovato con la sua scuderia, il team LCR Honda di Lucio Cecchinello.

“Ho potuto lavorare bene”, dice Viñales che nelle prove post GP di Catalogna ha testato un secondo telaio, ora con lui anche ad Assen e pronto per essere utilizzato già a partire dalle libere. “Le prove a Montmeló sono servite per trovare ancora le miglior sensazioni. Siamo arrivati con ottimismo e puntiamo al podio per continuare a dominare la classifica”. Il primato in classifica generale del pilota di Figueres però si è ridotto a sette punti. Termina, “La classifica è cambiata, è vero; ma ogni gara darò il massimo per stare davanti”.

“A Barcellona sono stato veloce in condizioni di pista complicate”. Commenta Dovizioso, “Sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto fino a qui ma, ogni fine settimana è diverso e dobbiamo pensare di GP a GP”. Prosegue il due volte vincitore ora secondo iridato. “È una buona condizione in classifica generale, ma il nostro duro impegno deve continuare”. Termina parlando di come ha passato questo periodo tra la vittoria a Montmeló e il TT di Assen oltre che del brillante secondo posto. “Mi sono rilassato e allenato. Come ho già detto è una posizione che non mi aspettavo ma ora dobbiamo sicuramente lavorare su alcune aree; se miglioreremo ancora potremo avere l’opportunità di stare davanti a lottare”.

“Sono contento di come è andata nel passato GP e anche nei test”. Afferma Marquez, campione del mondo in carica adesso terzo in campionato. “Ora vediamo come andrà questo fine settimana, dovremo essere consistenti e conquistare punti”. Termina con un commento sul tracciato, “È una pista che mi piace, credo sia adatta al mio stile di guida. Le Yamaha vanno bene qui e nel 2016 sono state veloci anche le Ducati; il tempo poi sarà una variabile importante, vincerà chi saprà dominare l’incertezza”.

“Sto vivendo ogni momento e sto imparando”, sono le parole di Zarco, esordiente di sostanza della classe regina e sesto in classifica generale. “Sono molto contento della gara che ho fatto in Catalogna, ho mantenuto la calma per poi fare un grande recupero finale”.

“Un buon risultato quello di Barcellona”, prosegue nel commento dell’ultimo GP Jorge Lorenzo che, sulla pista catalana, ha anche condotto la corsa. “Ho fatto un bel recupero dopo aver perso delle posizioni a causa della mancanza di confidenza con l’anteriore. Noto dei bei progressi e su questa pista la nostra moto è sempre andata bene; non vedo l’ora che tutto inizi”.

Crutchlow è fresco di un biennale con LCR, team satellite di Honda dice: “Per me è una bella notizia, il mio lavoro proseguirà tentando di essere competitivo e sviluppare il più meglio possibile la moto; spero di fare un buon fine settimana ad Assen”.

Termina Rins, di rientro dopo un inizio d’anno non certo esaltante e segnato da un infortunio al polso: “Sono felice di essere tornato, era una frattura difficile da guarire. So che non sarà facile trovare le migliori sensazioni ma confido che, passo dopo passo, possa arrivare presto al cento per cento della condizione”.

Fonte: motogp.com

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.