Fratoianni: “Dov’è attivismo del governo su questioni così cruciali?”

Qualcuno si è accorto che siamo in piena crisi idrica? L’Emilia Romagna ha richiesto lo stato di calamità naturale, la Toscana idem, seguite da Piemonte e Sardegna. Ma il dramma si estende velocemente a tutte le altre regioni del Paese. E le alte temperature che si preparano per l’estate aumenteranno di molto i problemi.




Due ordini di problemi, entrambi gravi: il rischio incendi, da un lato, e il dramma acqua dall’altro. Possono sembrare lontani dalla politica, dal governo delle cose, considerando che si discute tanto, tantissimo di banche, concorrenza e bilanci, in realtà hanno a che fare con il bilancio vero che la politica dovrebbe fare in maniera costante. Il bilancio sulla protezione del nostro territorio e sulla sostenibilità ambientale delle attività.

Gli incendi, innanzitutto, che negli ultimi anni hanno distrutto ettari ed ettari di vegetazione. Ferite aperte sui nostri territori, cui sarà molto complesso porre rimedio. Anche quest’anno nulla è stato fatto sul fronte prevenzione. Ci sono addirittura Regioni che non hanno previsto il supporto aereo antincendio.

Se a questo si aggiungono la cronica mancanza di personale nei Vigili del Fuoco, si comprendono le ragioni dell’alto rischio. I Vigili del Fuoco sono pochi, male attrezzati, stanchi, sfiduciati e sotto pagati. Su 301 mila kilometri quadrati di territorio riescono a coprire appena la metà, con le forze che hanno.

E fa rabbia pensare che ci sono oltre 7.000 unità di personale, considerati volontari, ma che in realtà fanno lo stesso lavoro degli effettivi. I volontari attendono da anni di essere inseriti in pianta organica e di rientrare a pieno titolo nel corpo e poter così prestare definitivamente il servizio che rendono da anni, con tutti i diritti e le garanzie del caso. Sinistra Italiana ha più volte proposto una strada di questo tipo, per rispondere alle esigenze di organico del corpo dei vigili del fuoco, fino ad ora senza risposta da parte del governo.

E poi c’è il dramma dell’acqua.

Il Mediterraneo, un mare intorno al quale vivono 500 milioni di persone, è considerato dagli scienziati tra le aree più sensibili ai rischi derivanti dai cambiamenti climatici. In Italia le temperature salgono più del doppio di quanto non stiano facendo nel resto del mondo, sono già salite di 1,3 gradi e potrebbero salire fino a 2 gradi nei decenni a venire.

Qui, dove viviamo tutti noi, gli effetti si fanno già sentire: si innalza il livello del mare (e della sua salinità), crescono le temperature, aumenta la siccità e il rischio di degrado riguarda oltre la metà del territorio italiano.

Si sciolgono i ghiacciai, si riduce la biodiversità, aumentano le precipitazioni improvvise ed intense, le frane e le alluvioni. Aumentano anche i rischi per la salute, a causa delle malattie trasmissibili dagli insetti e dalle acque insalubri.

Ce ne vogliamo occupare, visto che siamo i primi a pagare il conto in termini di degrado del nostro territorio e di gestione dei flussi migratori che sono provocati anche dai cambiamenti climatici? Dov’è il piano italiano per l’attuazione degli accordi di Parigi? Dov’è l’attivismo del governo su questioni così cruciali?

Non sopporto tanta cecità, di tutti, a volte anche della sinistra. Si divertono a dipingerci come rancorosi e minoritari, a farci parlare solo di schemi politici astratti, a farci commentare cose che non hanno alcuna importanza reale. Costruiscono armi politiche di distrazione di massa, e noi di tutta risposta dobbiamo costruire la forza pacifica di un popolo consapevole, che sa quel che vuole, che si pone l’obiettivo di realizzarlo ed ottenerlo.

Unito, perché condivide gli stessi problemi. Unito perché pensa insieme alle soluzioni. Unito perché le persegue con coerenza e placida determinazione, nelle aule parlamentari e nelle strade. Unito perché intelligente nel trattare con chi ha interessi diversi e nel convincere chi fino a ieri la pensava in un modo differente. La forza della ragione e della realtà è quella che ci serve.

Le forze politiche della sinistra – tutte – lo capiscano: la strada è questa, tutto il resto è un tatticismo che forse può servire a noi, ma non serve alle persone che di un cambiamento radicale hanno bisogno come l’acqua che non scende più dai nostri cieli.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.