Compiti a casa…

Estate, si ripropone  la questione se siano utili o no i compiti per le vacanze e ognuno ha la sua opinione e un suggerimento alternativo. Chiariamo subito che  ci sono i compiti pure per gli adulti e nessuno ne parla, nel mondo in cui viviamo presentarsi con la cellulite in spiaggia equivale ad un “impreparato”gigantesco a cui si può rimediare solo con la dieta zero, ovvero fame totale.




Gli uomini, che per il caldo sbottonano la giacca, mostrando un’adipe sospetta, hanno già un due in educazione fisica, di corsa al parco a sudare sotto gli occhi dei professionisti, che al ventesimo giro  sono freschi e pimpanti  in completi  runner da urlo.
I bambini,  conoscendo i tempi lunghi dei grandi quando discutono, gongolano sperando di averla scampata, in quanto le  proposte da esaminare sono parecchie. Certo ci sono insegnanti che si sono organizzati per tempo con idee alternative che vanno sperimentate, alcuni hanno  dato degli elenchi di libri da cui scegliere in libertà, per i ragazzi che riescono a leggerli tutti è pronto un posto nella giuria del premio Nobel o, in alternativa, possono  candidarsi agli Oscar. Perchè c’è anche una lista di film  da vedere con una piccola recensione da scrivere, non obbligatoria, ma gradita.

Insomma è opportuno che gli studenti  si tengano impegnati o i compiti sono un sovraccarico superfluo?

Diversi genitori, non contenti di dirlo nel gruppo delle mamma e papà fuori scuola,  hanno scritto la loro opinione a tutti quelli che gli capitavano a tiro e ora passano il tempo a rispondere, in pratica hanno trovato il compito da svolgere per le vacanze, sotto lo sguardo benevolo dei figli preoccupati che si potessero lasciar andare a non far niente. Il rovescio della medaglia è che mentre si cerca di organizzare le  vacanze al meglio è già ora di tornare alla vita normale. Nessuno però che dia consigli semplici tipo: sedersi al bar per  un caffè senza digitare mail e messaggi  o scrutando la strada come un falco per vedere se passa chi non si riesce a contattare al cellulare. Si potrebbe anche fermarsi su una panchina a  leggere, ci sarà un posto in cui le panchine non sono state portate via insieme alle statue e alle fontane di ferro da cento chili!

Attività considerate inutili perchè fanno sprecare tempo, ma allora per reprimere il senso di colpa, mentre si sorseggia il caffè, si dia una mano a sparecchiare. Mentre si legge al parco, tra una pagina e l’altra, si zappettino le aiuole piantando i bulbi che si tengono in borsa. Bisogna distrarsi  senza dare troppo nell’occhio ed essere multitasking, tante identità e ruoli nella stessa persona. Infatti  uno a  cui avevo chiesto  un’informazione, mi ha guardato preoccupato dicendo: “Chiedi a me?” Questione legittima  in quanto, evidentemente,  la parte responsabile di quel settore era  al momento occupata.

Tornando al problema dei compiti  per le vacanze c’è  chi ha le idee chiare, Macron, il neoletto presidente francese  ha risolto così: niente compiti, ma al rientro a scuola corsi di recupero obbligatori. Potrebbe funzionare e per adesso sono soddisfatti  tutti: gli studenti, che notoriamente tirano a campare, e i genitori, i quali, vedendo i figli prepararsi alle gite al mare o alle serate in discoteca, pregustano le loro future sfacchinate, che l’estate cominci.