Rosolia in gravidanza? I consigli per prevenirla




Esistono delle malattie infettive con un’incidenza maggiore durante l’infanzia. Può capitare però che virus come varicella, morbillo o rosolia, colpiscano anche in età adulta, rischiando di diventare pericolose. Contrarre la rosolia in gravidanza, in modo particolare, può portare a serie complicazioni nello sviluppo del feto. Sottoporsi a test di screening prenatale, come il test DNA fetale, e a controlli regolari è fondamentale per tutte le donne, che dovrebbero eseguire dei test specifici già prima della gravidanza, oltre ai test di diagnosi prenatale, come l’amniocentesi, per controllare la salute del bambino.

La rosolia è una malattia infettiva causata dal Rubivirus, che si trasmette per via aerea, tramite starnuti, tosse o goccioline di saliva emesse parlando. Si manifesta con la comparsa di un esantema, un’eruzione cutanea di piccole macchie rosacee, simili a quelle che compaiono con il morbillo o la scarlattina. Il tempo di incubazione della malattia è di 2-3 settimane1, dopo questo periodo inizia a manifestarsi l’esantema, prima su viso e collo e poi sul resto del corpo, che può durare 5-10 giorni. In alcuni casi si presentano altri sintomi, come la febbre, il mal di testa, il raffreddore e l’ingrossamento dei linfonodi. Nel 50% dei casi i sintomi possono non essere evidenti per cui la malattia può passare inosservata2.

La rosolia in gravidanza può portare a gravi conseguenze sulla salute del feto. Il bambino, in questo caso, viene colpito da sindrome da rosolia congenita e può presentare danni maggiori se la gestante contrae la malattia nelle prime 12 settimane di gestazione3. Le conseguenze possono essere: morte intra-uterina, aborto spontaneo e malformazioni o difetti congeniti. Il 62% dei bambini colpiti da rosolia durante la gravidanza ha sviluppato anomalie congenite, come sordità (47% dei casi), lesioni cardiache (42% dei casi), difetti della vista (42% dei casi) e microcefalia (14% dei casi)4.

Contro la rosolia non vi sono terapie, ma si può seguire una strategia di prevenzione grazie alla vaccinazione. Le donne che desiderano una gravidanza possono verificare prima del concepimento se sono immuni a questo virus tramite un esame del sangue chiamato Rubeotest, che viene effettuato periodicamente durante la gravidanza dalle donne che risultano negative alla presenza di anticorpi contro la rosolia.

Per poter definire bene quali test prenatali non invasivi effettuare è molto importante affidarsi al proprio ginecologo di fiducia.

Per maggiori informazioni sullo screening prenatale non invasivo: www.testprenatalaurora.it

A cura di: Ufficio stampa Sorgente Genetica

 

Fonti:
1. The New Harvard Guide to Women’s Health – Di Karen J. Carlson,Stephanie A. Eisenstat,Terra Diane Ziporyn
2. epicentro.iss.it
3. CDC – Centers for Disease Control and Prevention
4. Encyclopedia of Thoracic Surgery / Handbuch Der Thoraxchirurgie: Band / Volume 2: Spezieller Teil 1 / Special, Parte 1 – Ernst Derra, Springer Science & Business Media, 06 dic 2012

 

loading...