Equipaggi Caem in Puglia e alla Mille Miglia

Con due vetture degli equipaggi guidati da Mario Beccerica e Luigino Senigagliesi, il club CAEM-Lodovico Scarfiotti ha preso parte alla 16^ edizione della manifestazione “Sulle strade della pugliesità DOC”, evento turistico con prove a calendario ASI, Beccerica con la sua Lancia Lambda del 1927 e Senigagliesi con una Lancia Appia Lusso Vignale del 1960. L’evento, organizzato dal club “Aste e bilancieri” di Bitonto (Bari), ha toccato con un lungo ed interessante itinerario di quattro giornate le città di Matera, Bisceglie, Trani, Bitonto e Castel del Monte, ricco di storia e cultura, tra i profumi del mare, la suggestione della “Capitale Europea della Cultura 2019” e le imponenti tracce lasciate dall’epoca di Federico II.

L’impegno con i cronometri è stato particolarmente felice per i due equipaggi CAEM, che hanno conquistato il primo ed il secondo posto di categoria per le auto “ante 1960”, oltre al primo ed al terzo posto assoluto.

Alle premiazioni di fine manifestazione, Beccerica e Senigagliesi hanno voluto consegnare al presidente Leonardo Greco del club “Aste e Bilancieri” due pubblicazioni curate dal proprio club, il libro rievocativo dei 40 anni di attività ed il libro sulla carriera di Lodovico Scarfiotti raccontata sulle pagine di quotidiani e periodici.

Nel precedente mese di maggio due equipaggi del CAEM-Lodovico Scarfiotti hanno avuto modo di mettersi in luce alla Mille Miglia. Lo stesso Mario Beccerica ha partecipato con il figlio Stefano alla prestigiosa rievocazione al volante della fida Lancia Lambda, riuscendo a concludere dopo le 112 PS con un notevole 59° posto assoluto (e 30° di categoria) tra gli oltre 450 equipaggi partecipanti provenienti da tutto il mondo. Ha partecipato per la quarta volta anche Giuseppe Casali su Alfa Romeo 1900C Sprint Cabriolet del 1953, che ha concluso la classica bresciana onorevolmente al 193° posto assoluto.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9342 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.