Orte, alluvione del 2012: poco chiare le dinamiche della vicenda

Prosegue incessante il lavoro dello studio legale Caligiuri-Tuccillo & Associati di Roma che seguono la vicenda dell’alluvione del 2012 nel Comune di Orte dove ad oggi non sembra essere chiare le dinamiche della vicenda.

Tutto nasce con un esposto contro ignoti, presentato da una ventina di danneggiati (tra imprenditori e privati), che nei giorni dal 11 al 14 novembre del 2012 si sono trovati coinvolti nell’esondazione del fiume Tevere senza essere stati avvisati dalle autorità competenti dell’imminente pericolo. Nessun allarme, nessuna ordinanza di sgombero sindacale nonostante i numerosi comunicati da parte degli organi provinciali e regionali.

Gli effetti per queste omissioni furono disastrosi per un Comune delle dimensioni di quello di Orte, quasi 4 milioni di euro i danni complessivi tra pubblico privato. La tesi è chiara: non ci fu l’avviso di allarme.

L’esposto trovò accoglimento nel Pubblico Ministero Renzo Petroselli che intese indagare Dino Primieri, sindaco di Orte al momento del disastro.

Successivamente al pensionamento del Petroselli, è subentrata la dr.ssa Capezzuto che qualche mese fa haproposto l’archiviazione al Giudice per le Indagini Preliminari.

Archiviazione subito impugnata dai legali che hanno ravvisato, nella richiesta del P.M. delle carenze d’indagine rilevanti dovute sia ad alcuni cittadini verbalizzati, sia nelle dichiarazioni depositate dagli stessi Carabinieri dove venne sostenuta l’assenza di persone nelle abitazioni al momento dei fatti mentre immagini fotografiche scattate dai molti curiosi, dalle testate giornalistiche e dai media mostrano invece che alcune famiglie erano presenti nelle abitazioni tanto da dover necessitare del soccorso dei vigili del fuoco per potervi uscire e mettersi al sicuro.

La svolta, stando alle dichiarazioni dell’avvocato Maurizio Caligiuri uno dei titolari dello studio romano, sta nei documenti recentemente acquisiti.

Infatti sembra essere stata trovata la prova regina del mancato allarme che risiederebbe appunto nella mancata chiusura del parcheggio di Via Molegnano, zona in cui l’esondazione allagò oltre duecento autovetture parcheggiate lì dagli ignari pendolari.

L’avvocato Caligiuri afferma che in un documento chiamato “Accordo di Programma” del primo dicembre del 2000 (accettato incondizionatamente dal Comune di Orte) sono state chiaramente fissate le condizioni per il nulla osta alla realizzazione del citato parcheggio che – stando ai documenti acquisiti – risultano essere ancora validi e conosciuti dal sindaco Primieri che nel 2008, sotto la propria amministrazione concluse i lavori.

Il documento, esplicita le condizioni per la realizzazione del parcheggio di Molegnano da parte del Ministero degli Interni – Ufficio Speciale Genio Civile per il Fiume Tevere e Agro Romano che afferma testualmente “Sia resa formalmente nota al Sindaco a tutti i soggetti che andranno ad usufruire del parcheggio in esame la particolare natura delle aree in questione, oggetto della realizzazione del progetto in argomento ed i pericoli di esondazione connessi all’area di sosta. Pertanto nel parcheggio deve essere consentita una sosta non superiore alle sei ore. Tale divieto deve essere inoltre rafforzato da adeguata segnaletica”.

“La prova regina che i nostri assistiti non sono stati informati dell’imminente pericolo dal Sindaco è data dal fatto che l’amministrazione di Orte non ha chiuso il parcheggio di Molegnano il giorno 13 novembre nonostante gli obblighi ministeriali lo imponessero e non solo, a tutt’oggi mancano le indicazioni di sicurezza previste compreso il divieto di parcheggio di un periodo massimo di sei ore giornaliere tempo minimo di evacuazione dell’area in caso di preallarme”.

I video del giorno