MotoGp, Catalunya 2017: la pagella del Dicos

ANDREA DESMODOVI 110 e lode, con bacio accademico: Il forlivese sembra aver preso gusto a portare la sua desmocreatura alla vittoria. Una doppietta storica che a Borgo Panigale non si vedeva dai tempi di Casey Stoner. E’, inoltre, il primo italiano nella classe regina a vincere due gare di seguito dal 2009. E’ bravo a governare dapprima l’azione di Pedrosa poi il ritorno di Marquez. La vetta, ora, dista solo 7 lunghezze. Per scaramanzia meglio non dire nulla; ci sono ancora troppi gufi urlatori travestiti da finti tifosi. L’italianità per loro non vale sempre….Semplicemente fantastico!




 

MARC MARQUEZ 9: Dal probabile fine settimana difficile è passato alla piazza d’onore. Capisce che il Dovi e la sua Ducati vivono una lunga luna di miele, quindi meglio non rompere l’idillio desmodromico. Usa la testa ed accorcia il distacco dal capoclassifica. Bravo!

 

DANI PEDROSA 8,5: Lo spagnolo numero 26 della Honda aveva una gran voglia di vincere in casa ma, tra un italiano in desmoforma ed un compagno di squadra mai domo, si è dovuto accontentare dell’ultimo gradino del podio. Risultato, comunque, più che buono, che premia la sua caparbietà. Bene!

 

JORGE LORENZO 8-: Per alcuni giri il maiorchino è sembrato il “martillo” dell’epoca 3 diapason. Poi, dal sesto giro, ha perso il ritmo ed ha concluso quarto dopo, però, una bella rimonta su Zarco. E’ stata la prima volta che è partito dalla prima fila così come è stata la prima gara in rosso terminata a meno 10 secondi dal vincitore. Vamos!

 

JOHANN ZARCO 7,5: Il francese è il primo privato alla bandiera a scacchi ma anche la prima Yamaha a tagliare il traguardo. Vince il duello in casa contro Folger e così per lui si conclude un altro buon fine settimana. Bene!

 

VALENTINO ROSSI 4: Il fine settimana spagnolo è per Mister 9 volte da dimenticare. Certo termina davanti al compagno di squadra, ma, oltre a chiudere a 20 secondi da una Ducati, le prende da due M1 private…..Chi, riferendosi a lui, parla di possibilità di vittoria in campionato, a mio avviso, commette un’ingenuità. L’ultimo suo successo risale all’anno scorso, ottenuto proprio in Catalunya. Nel 2017, poi, il dottore sembra la copia sbiadita di se stesso. Che senso ha fare queste figure? In crisi!

 

MAVERICK VINALES 3,5: Il rider di Figueres dalla piazza d’onore italiana passa alla piazza casalinga smarrita. Un’involuzione, però, che non gli fa perdere la leadership in campionato. Male!

 

DUCATI: Divina!

 

HONDA: Umana.

 

YAMAHA: Smarrita.

 

APRILIA: Peccato.

 

SUZUKI: Chi l’ha vista?

 

KTM: Dispersa.

 

Permettetemi, infine, un messaggio per un campione che mi ha fatto battere forte il cuore: daje Max!

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8890 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.