Gran Premio del Canada, piazzamento d’orgoglio

Il Gran Premio più difficile di quest’anno finisce con un quarto e un settimo posto per Seb e Kimi. Visto come si era messa al primo giro, con due vetture danneggiate e un muso da cambiare, una strategia da ricostruire, sorpassi in pista da effettuare, è una dimostrazione di coraggio e determinazione per piloti e squadra. Sebastian resta in testa al mondiale Piloti con 141 punti, tredici in più di Hamilton.

Raffiche di vento, polvere in pista, persino qualche nube nera ma innocua accrescono la tensione prima del via. Lo scatto fulminante di Verstappen costringe Seb, partito benissimo, ad alzare il piede. SI ritrova quarto, ma dietro la collisione Massa-Sainz fa subito uscire la safety car. La manovra di Max ha danneggiato la paratia destra dell’ala anteriore di Sebastian, c’è il rischio di un cedimento e durante la neutralizzazione si decide la sostituzione del musetto e delle gomme, passando alle Supersoft. Purtroppo non è l’unico danno per la SF70H, che perde carico per un problema al fondo scocca. Kimi intanto ha perso terreno nel duello con Ricciardo e si ritrova sesto: uscendo sull’erba ha rovinato anche lui qualcosa.

Verstappen si ferma in pista alla curva 3 ed “esce” un’altra safety, stavolta virtuale. La gara riprende al giro 14 e quattodicesimo è anche Seb, che si libera subito di Grosjean. Al giro 18 Kimi, che sta avendo una gara complicata, va ai box e monta le gomme a banda rossa, mentre Seb è già 11esimo. Passa anche Hulkenberg ed entra in zona punti, quindi attacca e supera Stroll alla chicane. Kimi si libera di Alonso ed è sesto, due posizioni indietro c’è già Sebastian che vince il duello con Magnussen, poi con Fernando.

Non è facile, con due vetture danneggiate: al 42esimo passaggio fermiamo Kimi ai box per gomme nuove, le velocissime Ultrasoft. Seb resta fuori fino al giro 50, liberandosi dal traffico davanti, ma dovrà ricostruire ancora la sua gara con le gomme viola, che stanno facendo volare Kimi. Inizia a demolire i tempi sul giro, scende sotto 1’15” quando mancano 10 giri. Scavalca Kimi che accusa un problema sul controllo di frenata. All’inizio del 66esimo giro Seb fa il miracolo, rischiando tutto contro Ocon che può anche lui usare il DRS. Mette Perez nel mirino e lo infila all’inizio del penultimo passaggio. La sua gara finisce ai piedi del podio, Kimi porta la sua #7 ferita al settimo posto. “Grazie ragazzi” è il primo commento di Maurizio. Ci sta tutto.

Fonte: ferrari.com

POS
DRIVER
CAR
LAPS
TIME/RETIRED
1
LEWIS
HAMILTON
MERCEDES
70
1:33:05.154
2
VALTTERI
BOTTAS
MERCEDES
70
+19.783S
3
DANIEL
RICCIARDO
RED BULL RACING TAG HEUER
70
+35.297S
4
SEBASTIAN
VETTEL
FERRARI
70
+35.907S
5
SERGIO
PEREZ
FORCE INDIA MERCEDES
70
+40.476S
6
ESTEBAN
OCON
FORCE INDIA MERCEDES
70
+40.716S
7
KIMI
RÄIKKÖNEN
FERRARI
70
+58.632S
8
NICO
HULKENBERG
RENAULT
70
+60.374S
9
LANCE
STROLL
WILLIAMS MERCEDES
69
+1 LAP
10
ROMAIN
GROSJEAN
HAAS FERRARI
69
+1 LAP
11
JOLYON
PALMER
RENAULT
69
+1 LAP
12
KEVIN
MAGNUSSEN
HAAS FERRARI
69
+1 LAP
13
MARCUS
ERICSSON
SAUBER FERRARI
69
+1 LAP
14
STOFFEL
VANDOORNE
MCLAREN HONDA
69
+1 LAP
15
PASCAL
WEHRLEIN
SAUBER FERRARI
68
+2 LAPS
16
FERNANDO
ALONSO
MCLAREN HONDA
66
DNF
NC
DANIIL
KVYAT
TORO ROSSO
54
DNF
NC
MAX
VERSTAPPEN
RED BULL RACING TAG HEUER
10
DNF
NC
FELIPE
MASSA
WILLIAMS MERCEDES
0
DNF
NC
CARLOS
SAINZ
TORO ROSSO
0
DNF

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8338 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.