Sognare è Vivere (Una Terra Promessa…e mantenuta)

Oscar come migliore attrice per il film Jackie, Natalie Portman esordisce dietro la macchina da presa con “Sognare è Vivere” e lo fa volendo raccontare la storia del popolo ebraico-il suo popolo-attraverso, la biografia dello scrittore Amos Oz, best seller Internazionale.
L’opera filmica della neo regista non sempre è fluida: intervallata dalla voce fuori campo di Amos Oz– il narratore onnisciente(per dirla alla Genette n.d.r.) -perde qualche volta di organicità essendo sovrastata dall’uso – ormai di “moda”- di anticipare allo spettatore quel che avverrà e quel che è avvenuto a scapito delle immagini. Siamo negli anni ‘40 in quella terra che allora era ancora detta Palestina: il racconto si svolge su tre piani narrativi-il presente con la vita del piccolo Amos, il passato della madre di Amos da giovane, il futuro con Amos anziano scrittore che ricorda-, ma non si ha il tempo di goderli che viene sempre qualcosa che interrompe il flusso della storia.Non si tratta di un naturale andamento del montaggio, ma di una certa “ansia” del voler raccontare, in un film molto intimo e delicato, girato sui volti dei protagonisti e negli interni delle case, di voler essere epico senza averne la sceneggiatura.
Tutto il peso specifico poggia su di lui: la sua malinconia ricorda quella dei bambini del cinema neorealista italiano nel dopoguerra (con le dovute differenze) e sa trasmettere al pubblico tutte le sue emozioni, i desideri i sogni, in maniera sobria e intensa.
La vita con la madre (Fania) e il padre (Arieh) a Gerusalemme non è per niente semplice: le strade sono piene di fango, le abitazioni anguste e intere famiglie vivono assiepate in una stanza. La macchina da presa riprende tutto con distacco senza edulcorare e senza sentimentalismi: la vita così com’è, in questo ci è piaciuta molto la regista.
La fuga dal quotidiano-quello che nel titolo italiano viene tradotto con Sognare e Vivere- è l’amore per le storie vere e fantastiche, che la madre di Amos racconta a suo figlio. La madre funge da “romanzo di formazione” e in molte situazioni il bambino si salverà dalle angherie di compagni e adulti imparando a raccontare, citando frasi di autori celebri.
Eppure la madre di Amos sposata con Arieh che fa lo scrittore, non trasformando il magna di oscurità che ha dentro e che è effetto della sua “delusione” per la vita, si ammalerà, perché si sente cattiva madre, una figlia e una cattiva moglie: la dottrina del senso di colpa impera in lei. Il piccolo Amos è sempre travolto da incidenti che interrompono il flusso naturale della sua esistenza: sta per coronare il sogno d’amore con la sua giovanissima innamorata che cade dall’albero creando, a una festa tra arabi ed ebrei, uno tale scompiglio  che lo allontanerà dalla piccola, per sempre. Ritroverà il suo amore? Non c’è dato sapere. Più’ che un sogno, vivere sembra un incubo per il piccolo protagonista. La storia della nascita del popolo Israeliano irrompe nella vita privata di Amos: i cittadini della nuova nazione Israeliana festeggiano l’approvazione dell’Onu e il riconoscimento del loro Stato. Una radio proclama la dichiarazione in pubblico e cominciano a sventolare bandiere israeliane. La cupezza delle scene iniziali, con l’uso del bianco e nero che talvolta si ravviva, la cupezza delle ambientazioni- che ricordano “sinistre” abitazioni da ghetto, o ancor peggio staccionate che sembrano quelle dei campi forzati-darà maggior spazio a una luce colorata nei tempi più vicini ai nostri. La fotografia –affidata a un grande talento Slawomir Idziak, autore della fotografia nei film di Kieslowski, tra i quali “Tre Colori-Film Blu” (1993) non può, tuttavia, sopperire uno stile registico timido e acerbo che non riesce fino in fondo a esprimersi e che resta incagliato in un autobiografismo asfittico. La delicatezza e il talento ci sono ma il coraggio deve manifestarsi: siamo certo nelle future opere filmiche ciò avverrà. La stessa Portaman affema: ”Ho un rapporto emotivo con Israele”. E’ auspicabile che ci siano autorevolezza paterna e creatività materna per generare qualsiasi opera d’arte degna di nota, e non solo emotività. Interpretazioni comunque sublimi.




Titoli di coda
Fania /Natalie Portman
Arieh/ Gilard Kahana
Amos /Amir Tessler
Scritto e diretto da Natalie Portman

Produttori /Ram Bergman, David Mandil
Produttori Esecutivi /Nicolasa Chartier, Allison Sherarmur
Direttore della fotografia /Slawomir Idziak
Editor /Andrew Mondshein, A. C. E.
Scenografie /Arad Sawat
Musiche /Nicholas Britell
Costumi/ Li Alembik

Prodotto da Viltage Pictures , Movie Plus Productio

Un’esclusiva per l’Italia Eleve Finance

Presentato da Altre Storie in collaborazione con Giorgio e Vanessa Ferrero

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 234 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.