Edizioni 2000diciassette presenta ‘Quella garibaldina della mia trisavola’ di Angela Iacobucci

Nuova uscita per Edizioni 2000diciassette. Dopo aver inaugurato la sezione Poesia con ‘a Cuore Aperto’ di Cristina Liberti e ‘Piove sui Silenzi’ di Anna Maria Parente, si ritorna nell’ambito storico con il romanzo ‘Quella garibaldina della mia trisavola’ (Collana Romanzo Storico) di Angela Iacobucci. La casa editrice sannita torna sul sentiero della storia, questa volta percorrendo il periodo controverso dell’epoca garibaldina. Un romanzo che aprirà un bel margine di dibattito e confronto, nel momento in cui forte si leva il vento della “controstoria”. Un lavoro di ricostruzione del passato, in cui l’autrice è stata affiancata, in fase di revisione del testo, da Marcella De Mercurio (editing e correzione bozze _Edizioni 2000diciassette).

Una scelta, questa di Edizioni 2000diciassette, sottolineata dalla volontà del direttore editoriale Maria Pia Selvaggio di concepire la scrittura come privilegiato percorso di comunicazione e riflessione, nella prospettiva ultima di contribuire al confronto culturale e storico.

“Raramente – si legge nella quarta di copertina – la narrazione costruita sulla Storia offre al lettore il senso perfetto dell’aderenza dei fatti alla fantasia dell’Autore. L’opera della Iacobucci coniuga in maniera superba, ricerca e storytelling, tiene legati in una forma non scindibile il fascino della Storia e l’arsura della narrazione. La prosa è liquida, senza retorica e senza sfarzi di fantasia. L’apprezzerà il lettore avido di trame, e ne rimarrà affascinato chi è assetato di conoscenze storiche di un’epoca letta ancora in chiaroscuro. È un salto vertiginoso nella Storia e nei Tempi, si incrociano le vite di personaggi ai quali viene restituita la dignità di guerrieri coraggiosi e che resteranno nella memoria del lettore.

L’Autrice ha scolpito le personalità dei protagonisti – sia di quelli realmente esistiti che degli altri frutto di fantasia – in maniera potente e rettilinea, con prosa maliarda. È convincente l’inchiesta documentale come decisa l’impostazione narrativa. Documento e narrazione si sposano in maniera sublime, con la guida sapiente e persuasiva di una maestra di cerimonie di raro spessore culturale e di grandi capacità narrative”.

La presentazione del libro si terrà a Benevento il prossimo 20 giugno, alle ore 17, presso la Rocca dei Rettori. Interverranno, con l’autrice, la dott.essa Emilia Tartaglia Polcini e il prof. Aniello Cimitile. Modera Elide Apice.

Il libro sarà presto disponibile su Amazon, La Feltrinelli (…) e distribuito nelle librerie italiane.

Cenni biografici dell’autrice

Angela Iacobucci è sannita, nata a Guardia Sanframondi e vissuta a Benevento, dove si è formata fino al liceo classico. Si è laureata nel 1972 in Biologia alla Federico II. Ha conseguito le abilitazioni all’insegnamento per M.O.S. e per l’insegnamento di Scienze, Chimica e Geografia negli Istituti superiori. Ha fatto anche pratica di Laboratorio presso l’Ospedale “Rummo” di Benevento. Tuttavia, convinta della ricchezza umana dell’insegnamento, ha scelto di insegnare Scienze, Chimica e Geografia nei licei della città e della provincia di Benevento. È stata Presidente Provinciale dell’AIIG.

Convinta dell’importanza della formazione scientifica nella strutturazione della logica e della personalità degli studenti, ha sempre promosso la partecipazione attiva dei propri alunni alla “Settimana Scientifica e della Creatività”, proposta annualmente dall’Ufficio Scolastico Provinciale e dal MIUR. Molti lavori realizzati in questo ambito sono stati premiati dall’Ufficio Scolastico Provinciale, dall’Ufficio Scolastico Regionale o da altre pubbliche istituzioni. Sempre impegnata nella valorizzazione delle competenze femminili in ambito scientifico, nel 2006 ha pubblicato, a scopo didattico, il testo: Donna e Scienza, una rassegna biografica delle donne che avevano conquistato il premio Nobel nelle Scienze dure, seguita da una rassegna delle ricercatrici e scienziate che avrebbero meritato il premio, ma alle quali, purtroppo, non era stato riconosciuto ma che meritano, comunque, un posto nella storia dell’evoluzione del pensiero scientifico.

Il lavoro fu premiato dall’Ufficio scolastico Regionale della Campania come Best Pratice. Nel 2012 ha pubblicato “Ipazia la Sublime”, che ha ricevuto il Premio Olmo. Questo testo è diventato oggetto di riflessione in numerose celebrazioni dell’“Otto Marzo” in varie città del Mezzogiorno d’Italia. Infine il 25 marzo 2015 il testo è stato presentato nel Municipio di Napoli insieme al “Laboratorio Sperimentale di filosofia di Porta di Massa” nel convegno su “Ipazia, simbolo della sapienza femminile” per la celebrazione dei 1600 anni della morte della filosofa, al fine di promuovere l’intestazione di una strada dedicata alla filosofa, tra i decumani del centro storico della città antica (che fu deliberata). Nel 2011, nell’ambito delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, ha ideato il testo e la sceneggiatura di una rappresentazione teatrale portata in scena da un gruppo di studenti insieme alla “Solot”, laboratorio sperimentale di Benevento dal titolo: “Quella garibaldina della mia trisavola…” per celebrare la nascita della Provincia di Benevento e non solo…

 

I video del giorno