Intervista a Ivan Silvestrini

Parliamo del suo film “2Night” nelle sale cinematografiche : il film è quasi interamente girato in un’auto e questo mi ha fatto pensare a “Compolis” di Cronenberg.
Ho visto il film ma ammetto che non ho avuto nessun impatto nel rapportarmi a questo film. Io non avevo, tra l’altro, nessuna limousine (ride n.d.R.) una certa libertà che ha permesso al regista di fruttare in lungo e in largo gli spazi di quella macchina, però, in un certo senso, ho cambiato la struttura della macchina per farla diventare una casa in movimento, questo sì.
Si può affermare che “2Night” sia un film “antiromantico”?
Sicuramente è una commedia anti-romantica, almeno nelle sue premesse :sono contento che si distacchi da tutte le commedie che vengono fatte sul genere, che mi piacciono anche molto, perché questo film vuole far vedere un modo di avvicinarsi diverso dei due personaggi, non basato sull’amore, almeno inizialmente: un’attrazione che può nascere in una sola notte e di come questo può avere infinite sfumature.
Lei ha detto che il film racchiude le varie fasi di una relazione.
Sì, per me il film era l’occasione di comprimere in una sola notte tutte le fasi di una relazione di coppia. Questa è a vera sfida narrativa che ho colto quando ho letto la sceneggiatura ed è il motivo per cui ho voluto fare questo film. Quella notte può racchiudere tutti i momenti di una storia: dall’attrazione iniziale, alla foga della passione, al voler capire i limiti dell’altra persona, a mettere in dubbio quel legame, per poi provare a resistere che è poi l’obiettivo di tutte le coppie che vogliono durare nel tempo.
Nella linguistica del film, si può dire che sia un lunghissimo piano sequenza?
Tecnicamente non posso dire di sì, narrativamente un po’ lo è: noi seguiamo quasi in tempo reale i personaggi, non omettiamo niente di tutto quello che accade loro, ho cercato di essere tenero ma anche crudo con loro. All’inizio sono due persone che non parlano la stessa lingua, poi cercano un modo di funzionare meglio e arrivare a un’unione più profonda.
I suoi maestri registri ai quali s’ispira.
Io sicuramente per questo film devo molto a Daniele Luchetti che mi ha insegnato molto, mi ha spinto a raccontare la verità dei personaggi con un’attenzione profonda, a non essere troppo legato a una visione solo tecnica ma percepire il film come una cosa viva, a seguire il flusso. Lo stile di questo film si rifà ai miei maestri come sono alcuni registi del nord Europa e la commedia “indie” americana.
A cosa sta lavorando?
Prossimamente uscirà un altro mio film, sempre in qualche modo legato a una macchina che si chiama “Monolit”. Un film molto ambizioso, al quale ho dedicato più due anni della mia vita. E’ l’adattamento di un fumetto, che uscirà più o meno in contemporanea, scritto da Roberto Recchioni e Mauro Uzzeo, disegnato da Lorenzo Ceccotti che ha seguito con me l’avventura del film, disegnando questa macchina che non esiste, una macchina di fantasia o la macchina più sicura del mondo, che, a un certo punto, passa dall’essere un oggetto di protezione a un oggetto che ci abbandona: una giovane madre nel deserto ha poco tempo per salvare suo figlio di due anni, chiuso dentro un SUV.




Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 234 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.