Il weekend di Medea Art




Nel primo fine settimana di giugno sono quattro gli appuntamenti con le visite guidate a cura dell’Associazione Medea Art, alla scoperta di Napoli e delle sue meraviglie.

Si inizia venerdì 2 giugno con “Sulle tracce di Pizzofalcone”. Appuntamento alle ore 10 al Caffè Gambrinus. Da lì parte un percorso culturale, un “viaggio” a ritroso nel tempo. Attraversando Piazza del Plebiscito, si raggiungerà la collina del Monte Echia, Pizzofalcone e le antiche cave tufacee al cui interno si svolgevano ancestrali riti dedicati a Dioniso e Priapo. E, ancora, la guida illustrerà le origini di Partenope, “O’ DDuie centesime”, Il Castrum Lucullanum e Villa Ebe. Tappa finale del tour: Castel dell’Ovo. Il percorso ripercorre la storia della città dalle sue origini, attraverso gli scorci di panorama che caratterizzano Napoli. Prenotazione obbligatoria e contributo di 7 euro.

Sabato 3 giugno, alle ore 17, Medea Art propone una visita serata al Rione Terra. Uno sguardo ravvicinato agli scavi sotterranei e alla Cattedrale seicentesca, che ha inglobato l’antico Tempio di Augusto. La visita terminerà nel Tempio di Serapide, al Porto di Puteoli. L’appuntamento è fissato per le ore 16.45 e il contributo ammonta a 8 euro, 7 per chi possiede la Soci Card.

Domenica 4 giugno alle ore 18, “Tra oscure presenze e festose accoglienze” – Tour esoterico serale nei meandri del centro antico.

Un tour che esplora i meandri più nascosti del centro storico, tra fatti, misfatti, leggende e “presenze”, per finire nella Napoli del ‘600, sulle tracce dell’antica Locanda del Cerriglio, dove Caravaggio fu assalito. L’appuntamento è fissato per le ore 17, alla Chiesa del Gesù Nuovo. Il contributo soci previsto è di 7 euro.

Da sabato 3 Giugno e, a seguire, per tutti i fine settimana del mese: visite all’insula della Basilica dello Spirito Santo. Un tesoro nascosto all’interno del perimetro di via Toledo, un gioiello d’arte che racchiude una storia lunga 500 anni. Le visite all’insula permetteranno di conoscere spazi finalmente accessibili, come l'”Atrio della seconda porta” con la cupola cinquecentesca, il giardino contiguo all’oratorio dei nobili e la Sagrestia settecentesca, capolavoro di Nicolò Tagliacozzi Canale. Ultima tappa: il cortile, con l’ingresso monumentale del Conservatorio delle Fanciulle Illibate, dove sono conservate, all’interno della Cappella Caracciolo, le reliquie di Santa Elena, madre di Costantino, dei Santi Cosma e Damiano, S. Alessio. Alessandra e Massimo.

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8389 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.