“Ombretta Calco” al Piccolo Eliseo

Si apre il sipario e la figura di una donna è illuminata da una luce che crea un bell’effetto ottico: sembra una un’immagine proiettata di quel cinema rudimentale di fini ottocento nelle sale assiepate e fumose. La protagonista si chiama Ombretta Calco e il suo  è un monologo interiore: il monologo della sua Coscienza  fa vibrare il  corpo, la voce arriva agli spettatori, attenti. Sa gestire i toni, i dialoghi con personaggi che non si vedono e che lei magistralmente rende visibili: il fratello si presenta al capezzale della madre in mutande e giù a ridere perché s’innesta l’effetto comico, con l’irrompere di gag surreali stile humor inglese, o, meglio dire, milanese. Un altro interlocutore è l’uomo che ama che sul più bello dice di volerla lasciare: man mano che il racconto, sfalsato nel tempo e nello spazio, avanza, la luce di scena diviene più chiara l’occhio di chi guarda, “scompare” che l’Ombretta in scena è sospesa su quella panchina di color bruno, stretta e scomoda. È’ la “sciura” della porta accanto, che s’incontra in ascensore, o a passeggio con il cane, ma non ordinaria, questo no. Talmente bella l’articolazione della pièce che immaginiamo tutto di quel che la “sciura” racconta: il corridoio di casa sua, la macchinetta del caffè, le pantofole, la stanza del bagno, la cucina, la strada nel quartiere milanese, dove – lamenta lei – bazzicano sempre più immigrati. La strada ora è cocente sotto il sole a picco di luglio e ma la nostra eroina  se ne sta lì ferma a sciolinare memorie su memorie. Gli interlocutori sono parte del suo corpo, dei suoi organi: l’attrice sapiente sa dettare  i ritmi e i tempi scenici.” Ma cosa è che fai ?” grida la donna  squarciando il silenzio.Lo spettatore balza dalla poltrona : ogni cosa detta è divenuta luogo scenico. Si percepisce che l’Ombretta sta cominciando il suo viaggio-che non sarà l’ultimo-quando la luce in scena, da  chiara che era ,dirada dolcemente.
Delicata, ironica e  commovente, la messa in scena di Ombretta Calco (interpretata da una magistrale Milvia Marigliano e molto ben diretta da Peppino Mazzotta) lascia allo spettatore sensazioni agrodolci di un linguaggio poetico quotidiano che fa parte del mestiere di vivere. Cinquantacique minuti di teatro “doc” da gustare.
                                              Titoli Di Coda
Ombretta Calco
Di Sergio Pierattini
Con Milvia Marigliano
Regia Peppino Mazzotta
Scene Roberto Crea
Costumi Rita Zangari
Scenotecnica Angelo Gallo
Tecnico Luci Eros Leale
Teatro Piccolo Eliseo
Fino al 4 Giugno




Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 234 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.