Fermiamo Cupinoro: “Il PD a Ladispoli da prova di incompetenza”

Venerdì 26 maggio si è tenuto un incontro del PD a Ladispoli, presenti l’attuale sindaco, il candidato Pierini, il consigliere Ascani, con il contributo del consigliere regionale Patanè e dell’onorevole Giachetti.




L’incontro verteva sul problema dei rifiuti, tema particolarmente caldo nei nostri territori dopo la lettera della Città Metropolitana che richiede ai Comuni di indicare siti idonei per impianti e discariche. Dalla mappa inviata si evince il pericolo per il nostro litorale; in particolare i comuni di Cerveteri e Fiumicino risultano i più idonei per l’assenza di vincoli.

L’incontro, dato anche il contesto preelettorale, è servito soprattutto per accusare ripetutamente il Movimento 5 Stelle di incapacità, falsità e incompetenza. Da cittadini, non entriamo nel merito dello scontro politico. Vorremmo solo porre dei dubbi sulla competenza dei cosiddetti ‘competenti’.

Nel suo discorso, a titolo di esempio, il consigliere Patanè ha spiegato i compiti della Regione in tema di rifiuti, che sono quelli di legiferare, produrre un Piano Rifiuti e autorizzare gli impianti. Non ha detto però che l’amministrazione Zingaretti per 5 anni ha promesso un nuovo Piano Rifiuti e non l’ha mai fatto. Perché? Questa era la principale ‘competenza’ della Regione Lazio sui rifiuti. Annunciata ogni 6 mesi, regolarmente rimandata e oggi disattesa. Complimenti per l’efficienza. Il Piano Rifiuti vigente fino alla fine del 2017 è ancora quello della Polverini, un piano sostanzialmente inutile e reso non pericoloso soltanto grazie a un referendum indetto dai cittadini (Coordinamento RZ Lazio). Il referendum abolì infatti lo scenario di controllo che permetteva di superare i buoni – seppur vaghi – proponimenti del piano e realizzare senza ostacoli impianti inquinanti come discariche, inceneritori, centrali a biogas etc.

Il ‘competente’ Patanè, citando poi i principi della termodinamica, ha anche spiegato l’importanza della valorizzazione energetica dei rifiuti – riferendosi quindi all’incenerimento (inceneritori, impianti a biomasse) e alla digestione anaerobica (centrali a biogas/biometano). Questa infatti è sempre stata la strategia della Regione Lazio sull’impiantistica (mai espressa con chiarezza, forse per timore delle reazioni dei cittadini), del PD in genere e in particolare dei governi Berlusconi (ricordate l’apologia dell’impianto di Acerra?) e Renzi – vero e proprio alfiere dell’incenerimento già da presidente della Provincia di Firenze.

Ma il competente Patanè non è a conoscenza degli innumerevoli studi sulla conclamata tossicità degli inceneritori? Non sa che la pratica dell’incenerimento è ormai obsoleta per il suo enorme impatto sull’ambiente e che fra 3 anni l’Europa sanzionerà chi deciderà di bruciare ciò che può essere riciclato? Non è a conoscenza delle migliaia di morti e patologie legate al nanoparticolato presente nei fumi emessi dagli inceneritori?

Non solo. Il competente Patanè non vede neanche che dietro alla valorizzazione energetica dei rifiuti si nasconde una grande truffa ai danni dei cittadini italiani. Dagli incentivi CIP6 sugli inceneritori agli incentivi sul biogas, i cittadini pagano per essere ingannati e avvelenati. Eppure gli stessi imprenditori riconoscono che senza incentivi statali la valorizzazione energetica è un affare in perdita e che la produzione di elettricità o biometano non ripaga gli investimenti.

I cittadini saranno disinformati, saranno pure stupidi. Ma anche alla stupidità c’è un limite. Con il referendum sulla Costituzione si è visto che non siamo disposti a credere proprio a tutto. E facciamo il punto riguardo ai rifiuti. No alle discariche, chiunque sia il proponente. No agli inceneritori e no a biodigestori/biometano. No al progetto ugualmente scellerato di bruciare i rifiuti nelle centrali ENEL di Civitavecchia e Montalto. Sì invece al compostaggio aerobico del rifiuto organico, alle piattaforme per il recupero e riciclo delle materie prime, a impianti ‘modello Vedelago’ specializzati per il recupero dei materiali indifferenziati. Sì a politiche serie per il riuso e per la riduzione del rifiuto all’origine, in particolare della maledetta plastica che – nonostante le belle favole sul riciclo – sta invadendo i mari di tutto il pianeta e quando viene bruciata avvelena l’aria che respiriamo.

Questo è il punto di vista dei cittadini. Che non sono sul libro paga di nessuno, che non devono favorire imprenditori o multiutility, e il cui unico obiettivo è vivere in un posto sano. Al PD interessa?

Sarebbe davvero la prima volta.

FERMIAMO CUPINORO