Napoli, fatto il punto sull’andamento della raccolta differenziata in commissione Ambiente

La commissione Ambiente, presieduta da Marco Gaudini, ha incontrato oggi Paolo Stanganelli, direttore Ricerca e Sviluppo di Asia, delegato a partecipare dal presidente Iacotucci, impossibilitato, per discutere dell’andamento della differenziata in città, dei numeri del “porta a porta”, delle criticità segnalate da cittadini e consiglieri comunali.




Sono diversi i punti, secondo il presidente Gaudini, sui quali sono necessari approfondimenti e chiarimenti, precisando in apertura che l’assessore Del Giudice non ha potuto partecipare per impegni istituzionali: lunghe giacenze nelle campane per la plastica e per la carta che si registrano in alcune aree della città; i problemi connessi allo smaltimento di rifiuti di quelle attività connesse al “food” che sono aperte solo nelle ore serali, i cui cassonetti diventano nelle ore diurne ricettacolo di rifiuti indifferenziati. C’è poi il tema dei cestini per le deiezioni canine, un progetto ben sperimentato in alcune municipalità che potrebbe estendersi a tutto il territorio. Infine, il persistente problema dei siti di discarica abusiva disseminati in città e le problematiche connesse alla pratica ricorrente di forzare, e danneggiare, i cassonetti per la raccolta di indumenti. Secondo Francesco Vernetti (Dema), è necessario procedere ad una nuova mappatura dei contenitori assegnati alle attività commerciali, e ha ricordato la situazione particolarmente critica di aree come Via Tribunali e Via Partenope, proponendo l’istituzione di siti di stoccaggio dei rifiuti per piccole attività commerciali. Urgente inoltre migliorare il sistema dei controlli e, sul tema della forzatura dei contenitori per i panni usati, prevedere l’inserimento di allarmi ed una forte azione per scardinare l’intero sistema che alimenta questi traffici. Criticata da Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) l’assenza dell’assessore all’Ambiente e dei vertici di ASIA, perché è necessaria una discussione politica su diverse tematiche, come ad esempio la definizione delle tariffe Tari sulla base dei rifiuti prodotti per abitante e non al metro quadro; la possibilità di sperimentate – in aree critiche come Chiaiano – l’istituzione di isole ecologiche dove, a fronte di incentivi, i cittadini si sentano motivati a conferire rifiuti; la creazione di aree di scambio degli ingombranti; l’avvio di una seria riflessione sull’ecodistretto di Napoli Est, che impone scelte concrete a vantaggio dello sviluppo della città. In questo senso Brambilla ha definito un compromesso inaccettabile le prescrizioni che, per la realizzazione dell’ecodistretto, prevedono stabilizzazione dei disoccupati di lungo corso, impedendo di fatto l’assunzione di nuove risorse giovani ed un effettivo cambio di rotta in materia di smaltimento dei rifiuti. Su tutti questi argomenti Paolo Stanganelli ha fornito chiarimenti, ricordando il Piano Triennale presentato al Comune per il periodo 2016-2018, che si fonda su investimenti che riguardano soprattutto l’aggiornamento e l’ammodernamento del parco automezzi, l’acquisto di nuove attrezzature, l’implementazione della rete informatica e di comunicazione sul territorio. Ricordati i risultati raggiunti finora, che hanno rispettato in pieno le previsione del piano triennale, portando attualmente la percentuale della differenziata al 35% (dato reale) con l’obiettivo del 50% entro la fine del triennio. Attualmente si registrano rallentamenti, ha precisato Stanganelli, dovuti a momentanee difficoltà finanziarie, che si punta a recuperare entro fine anno. Al momento sono in corso attività mirate in particolari zone della città (Marechiaro, Lidi di Posillipo, Teatro San Ferdinando) e si sta procedendo ad un riassetto organizzativo che migliorerà il sistema di svuotamento delle campane, assicurerà l’implemento dei cestini per le deiezioni canine (dieci per ogni municipalità), favorirà l’adozione di nuove tecnologie di rilevazione per definire tariffazioni adeguate, consentirà una migliore gestione degli ingombranti, delle isole ecologiche e lo sviluppo delle riciclerie, faciliterà l’installazione di telecamere in zone particolarmente critiche. Infine degli indumenti usati e dei centri irregolari di raccolta.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8641 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.