Bankitalia, Visco: “Serve uno sforzo eccezionale per superare la crisi”

“L’esigenza di superare la crisi ha sollecitato, sollecita ancora, uno sforzo eccezionale. Non minore è l’impegno necessario per ritrovare un sentiero di crescita stabile ed elevata, per risolvere la questione del lavoro, così difficile da creare, mantenere, trasformare, questione centrale dei nostri giorni non solo sul piano dell’economia”. E’ il messaggio che il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, lancia nelle sue considerazioni finali in occasione della relazione annuale di Palazzo Koch. “Occorre che torni a crescere la produttività“, sottolinea. “Il sistema economico italiano, molta parte del quale è in grave ritardo nell’adozione delle nuove tecnologie- ricorda- soffre da ben prima della crisi di una dinamica della produttività totale dei fattori troppo lenta”.




“CI HANNO DURAMENTE CRITICATO, MA DA NOI SEMPRE IMPEGNO MASSIMO”

La Banca d’Italia in questi anni è stata “criticata anche con toni aspri, siamo stati accusati di non aver capito cosa accadeva o di essere intervenuti troppo tardi. Io posso solo dire che l’impegno del direttorio è stato massimo” dice il governatore di Bankitalia Visco.

“DA NOI MASSIME SANZIONI E SEGNALAZIONI A TOGHE”

“Abbiamo irrogato sanzioni nella misura massima prevista dall’ordinamento. Nei casi di mala gestio le ipotesi di reato sono state segnalate all’autorità giudiziaria con tempestività, avviando la collaborazione con la magistratura già nel corso degli accertamenti ispettivi”. Lo ribadisce oggi Visco nelle sue considerazioni finali. “La crisi ha colpito soprattutto quelle banche che, anche a causa di carenze negli assetti di governo societario e di comportamenti imprudenti, a volte illeciti, nell’erogazione del credito, la avevano affrontata già deboli. È il caso- ricorda- delle quattro banche poste in risoluzione alla fine del 2015 e dei gruppi per i quali sono attualmente in corso interventi di rafforzamento patrimoniale”. Visco tocca poi diversi temi sempre in ambito bancario. Spiega che “nel rispetto dei principi alla base del nuovo ordinamento europeo, gli interventi delle autorità devono essere volti a preservare il valore dell’attività bancaria, a vantaggio dei risparmiatori e delle imprese affidate. Non possiamo correre il rischio di intaccare la fiducia nelle banche e nel risparmio da esse custodito”.

Oggi, inoltre, “nel nuovo assetto europeo gli interventi in caso di crisi sono affidati a una molteplicità di autorità e istituzioni – nazionali e sovranazionali – tra loro indipendenti, con processi decisionali poco compatibili con la rapidità degli interventi. Manca una efficace azione di coordinamento”, lamenta il numero uno di Palazzo Koch. Quindi torna sull’ipotesi di Bad bank. “La costituzione di una società di gestione degli attivi bancari deteriorati con supporto pubblico” è una “ipotesi che noi abbiamo attivamente sostenuto. La realizzazione dell’intervento è stata tuttavia impedita dagli orientamenti in materia di aiuti di Stato assunti dalla Commissione europea a metà del 2013”. Nei mesi scorsi, però “anche a seguito delle proposte elaborate da istituzioni europee, si è tornati a discutere di una tale iniziativa. Siamo ancora convinti che sarebbe una misura potenzialmente utile, a condizione che il prezzo di trasferimento degli attivi non sia distante dal loro reale valore economico, che l’adesione allo schema da parte degli intermediari avvenga su base volontaria, che le caratteristiche dei piani di ristrutturazione delle banche partecipanti siano ben definite ex ante. Va al più presto chiarito se vi è un’effettiva determinazione a proseguire su questa strada: l’incertezza rallenta la definizione delle transazioni in corso, scoraggia quelle che potrebbero realizzarsi nei prossimi mesi“, osserva il governatore. Prosegue, infine, “il confronto tra le autorità italiane ed europee per la ricapitalizzazione pubblica precauzionale della Banca Monte dei Paschi di Siena, della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca. Sono in fase avanzata, con l’intervento finanziario e operativo del Fondo volontario costituito da gran parte degli intermediari italiani, le trattative per l’acquisto di tre piccole banche da parte di un grande gruppo francese”, conclude Visco.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8862 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.