V° Municipio, FDI: “Presentata una mozione per dire no alla moschea in Via Gladioli”

“Il caso delle moschee abusive sul territorio capitolino e in particolare nel municipio V continua a destare stupore, arricchendosi ogni giorno di nuove puntate. Il Tar del Lazio, per un difetto di motivazione, ha respinto l’ordine di demolizione da parte del Municipio rispetto la moschea in via Gladioli, 14. Lì, un deposito seminterrato di 280 mq con annessa zona vendita di 30 mq, è stato trasformato in luogo di culto dal Centro islamico culturale Bangladesh Italia Onlus. Un’assurdità alla quale ci siamo opposti chiedendo all’amministrazione municipale di impegnarsi attraverso l’avvocatura comunale ad impugnare la sentenza del Tribunale amministrativo”. E’ quanto comunicano Emiliano Corsi e Giusy Guadagno, capogruppo e consigliera di Fratelli d’Italia in Municipio V che hanno sottoscritto la mozione insieme al capogruppo della Lista Marchini, Fabio Piattoni.




“Entrando nel merito della vicenda, è possibile riscontrare diverse motivazioni utili a impedire l’apertura di questa moschea, sia di natura giuridica sia dal punto di vista della sicurezza. Nel seminterrato, infatti, sono state già predisposte una sala preghiera per uomini, una per donne, un ufficio per l’imam, che hanno fatto cambiare la destinazione d’uso del locale da deposito a luogo di culto. In casi del genere, anche secondo altre sentenze, si prevede non la semplice Dia (dichiarazione inizio lavori) presentata dal centro culturale, bensì una Dia in sanatoria. L’intervento ha di fatto generato un cambio di destinazione d’uso, in contrasto con il Piano regolatore, tanto da indurre il tecnico incaricato dei lavori a rinunciare alla prosecuzione dell’iter. Rinuncia incredibilmente non valutata come ostativa alla realizzazione della moschea dal giudice amministrativo. Siamo preoccupati, inoltre, da misure di sicurezza e viabilità annesse all’apertura del centro di culto tutte da verificare, tanto per prescrizioni antincendio previste per locali superiori a 200mq, quanto per le condizioni necessarie alla staticità dell’intero edificio. Potrebbe essere a rischio l’incolumità degli abitanti della zona, e dei frequentatori stessi del luogo di culto” concludono gli esponenti di FDI del V Municipio.