Ostia, furto aggravato di energia elettrica: nei guai il gestore dell’Hakuna Matata

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati legati alla fruizione indebita di pubbliche forniture di energia elettrica ed altri servizi con allacci abusivi, militari del N.O.R.M. della Compagnia dei Carabinieri di Roma Ostia hanno arrestato un 44enne romano, gestore di un lido balneare, per furto di energia elettrica.

Nel tardo pomeriggio di ieri, di concerto con i tecnici verificatori della società A-Reti, i militari dell’Arma si sono recati presso un noto e frequentato stabilimento balneare e del relativo chiosco attiguo, ubicato sul lungomare di Ostia, per verificare alcune anomalie riscontrate per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica.

I Carabinieri, dopo i primi accertamenti, avvalendosi dell’ausilio dei tecnici della società di distribuzione elettrica, hanno verificato che lo stabilimento usufruiva dell’energia elettrica ma, per eluderne il pagamento, era stato realizzato un allaccio abusivo con tanto di switch che consentiva di passare dall’allaccio diretto a quello normale, onde eludere eventuali controlli: proprio in virtù di tale accorgimento, l’attività era probabilmente riuscita ad evitare precedenti contestazioni nel corso dei diversi controlli esperiti nel tempo sullo stabilimento, tanto che solo un’approfondita analisi condotta dalla società erogatrice in remoto ha consentito di far emergere anomalie e di indirizzare meglio le verifiche che hanno portato a scoprire il meccanismo. Grazie a questo a artifizio l’esercizio commerciale si alimentava direttamente dalla rete, accumulando nel tempo un danno alla società di distribuzione pari a circa 630.000 €. Resta ora da definire da quanto tempo andasse avanti il prelievo irregolare e se vi siano ulteriori responsabilità.

Dopo le prime indagini, i militari sono riusciti a identificare e rintracciare l’amministratore della società che ha in gestione lo stabilimento, traendolo poi in arresto per il furto aggravato di energia elettrica.

L’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari e liberato questa mattina solo dopo la convalida dell’A.G. competente, nelle more della definizione del procedimento a suo carico.

 

I video del giorno