Nelle commissioni Diritto alla città, Cultura, Attività produttive e Ambiente le problematiche e i progetti per via Duomo

Le problematiche e i progetti per rigenerare via Duomo sono stati discussi oggi in una riunione congiunta delle commissioni Diritto alla città, Cultura, Attività produttive e Ambiente. L’appello a cambiamenti urgenti dei commercianti della parte alta di via Duomo, da via Foria a via San Giuseppe dei Ruffi, è stato illustrato da esponenti dell’associazione dei commercianti, mentre Malpede dello staff dell’assessore alle Politiche urbane e Attanasio, dello staff dell’assessore alle Attività produttive, hanno illustrato le strategie e i progetti sull’area interessata dagli interventi del Grande Progetto Centro Storico sito Unesco.

E’ proprio la necessità di guardare alle trasformazioni con un approccio che tenga insieme le diverse problematiche e competenze, ha introdotto la presidente della commissione Diritto alla città De Majo, che ha mosso le commissioni a lavorare in modo coordinato ascoltando anche soggetti esterni, oggi i commercianti della parte alta di via Duomo. Vari sono gli aspetti da trattare, dall’intervento di trasformazione urbana alle problematiche della mobilità e viabilità, all’ondata turistica che sta investendo la città, ha continuato De Majo, notando che il boom turistico incide in profondità sulla trasformazione dell’impianto commerciale, sulla permanenza degli abitanti, sulla vocazione storica dei territori, tutte implicazioni che vanno governate. Proprio un richiamo alla vocazione storica della via Duomo, l’antica “strada delle spose” è stato quello che ha fatto la presidente della commissione Cultura Coccia che, ricordando la recente riunione sui lavori che stanno per iniziare, ha ricordato che il Grande Progetto Centro Storico Unesco contiene ipotesi di rifuzionalizzazione, con “strade dedicate”, mentre, nel recente regolamento per il commercio, è stata opportunamente introdotta la possibilità per il Comune di tutelare le identità storiche dei luoghi.

L’appello per interventi immediati è venuto da Francesco Morisieri e Ciro Russo, dell’associazione dei commercianti di via Duomo. La parte alta di via Duomo ha bisogno di cambiamenti urgenti, sul piano della vivibilità – dalla potatura degli alberi al controllo del territorio e all’eliminazione della sosta selvaggia – per invertire una tendenza al declino altrimenti irreversibile (in 200 metri di strada, sono ben 20 i negozi chiusi); per ridiventare, come era in passato, un centro commerciale con negozi storici rivolti ad un target medio alto, meta di passeggiate e shopping per gli abitanti della zona e non solo, quel tratto di strada deve essere pedonalizzato, dicono i commercianti.

I due rappresentanti degli assessorati alle Politiche urbane, Nicola Malpede, e alle Attività produttive, Ovidio Attanasio, hanno illustrato il modo in cui l’amministrazione sta lavorando, in modo sinergico tra i diversi settori, per l’obiettivo del recupero e rifunzionalizzazione dell’area che di qui a poco sarà interessata dai cantieri del Grande Progetto. Ben 30 milioni sono destinati alla riqualificazione e sicurezza delle strade, ha ricordato Malpede: nel progetto su via Duomo, in particolare, è previsto l’allargamento dei marciapiedi; per rivitalizzare l’area, si può puntare anche sulla presenza di ben 3 musei. Ovidio Attanasio, a sua volta, ha dato conto del lavoro che l’assessorato sta portando avanti anche interloquendo con i commercianti: la creazione di un “centro commerciale naturale” potrebbe attrarre nuovi finanziamenti, anche europei, mentre il programma di iniziative presentato dai commercianti per i 4 sabati di giugno e i primi 2 di luglio, con mercatini dei fiori e di antiquariato, mostre ecc., potrebbe costituire una sperimentazione attrattiva per i cittadini; per i turisti si sta pensando ad una fermata del City Sightseeig all’angolo di Via Foria che indirizzerebbe il flusso lungo tutta via Duomo.
Nel dibattito che si è sviluppato nel corso della riunione sono stati in particolare sottolineati: la necessità di una analisi dei flussi turistici e di una attività di indirizzo degli stessi in collaborazione con i tour operators, insieme ad una interlocuzione con i proprietari dei negozi per i fitti troppo alti (Vernetti di Dema); la necessità di organizzare una conferenza dei servizi con tutti i settori coinvolti per migliorare la vivibilità della zona e di coinvolgere da subito chi vive in quell’ambito, abitanti, commercianti, associazioni, su nuove progettualità da attivare (Andreozzi di Dema); la grande opportunità costituita dalla vocazione storica della strada, a partire dai negozi di arredi sacri, per stimolare occasioni culturali e promozionali (Menna di Mov. 5 Stelle).

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8325 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.