GP di Francia (Le Mans) – Pioggia, freddo e freni roventi

– Sono 6 le vittorie che ha totalizzato Jorge Lorenzo a Le Mans.  E’ il pilota che ha vinto di più sul tracciato francese: 1 volta in  250cc (2007) e 5 volte in MotoGP (2009, 2010, 2012, 2015 y 2016).
– Le Mans assieme ai circuiti di Qatar e Mugello  sono le piste dove Jorge Lorenzo ha raccolto il maggior numero di vittorie.
– Nel recente GP di Spagna, Lorenzo ha conquistato il suo primo podio con la Ducati. Con Jorge sono 15 i piloti che hanno conquistato almeno una volta una delle prime tre posizioni in gara guidando la Desmosedici: Capirossi (2003), Bayliss (2003),  Xaus (2004), Checa (2005), Stoner (2007), Barros (2007), Elías (2008), Hayden (2009), Rossi (2011), Dovizioso (2014), Crutchlow (2014), Iannone (2015), Petrucci (2015), Redding (2016) y Lorenzo (2017).
– Nel GP di Francia del 2003, Jorge Lorenzo ha conquistato per la prima volta in carriera la prima fila nello schieramento di partenza. Due anni più tardi, nel 2005 e sempre a Le Mans, Lorenzo si ripete conqquistando per la prima volta la prima fila in 250cc.
– In sole due occasioni Lorenzo ha vinto a Le Mans partendo dalla pole position: nel 2007 quando era in 250cc. e lo scorso anno.
– Andrea Dovizioso ha conquistato la vittoria nel GP di Francia del 2004 con un sorpasso all’ultimo giro su Locatelli. Curiosamente il terzo posto di quella gara fu conquistato da Lorenzo.
– Nell’edizione del 2006 Dovizioso era in testa all’ultima curva, ma perse la gara nella corta accelerazione che i piloti affrontano prima di tagliare il traguardo.
– Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso erano in lotta per la vittoria nell’edizione 2007 del GP di Francia. Ma questa volta fu il pilota spagnolo a spuntarla.
– Oltre al 2004 e al 2007 già citati, Lorenzo e Dovizioso sono saliti congiuntamente sul podio del GP di Francia anche nel 2010 e nel 2015 per un totale di 4 volte.
– Nella sua prima partecipazione a Le Mans in MotoGP, Lorenzo ha disputato la gara con entrambe le caviglie fratturate, riuscendo a conquistare il secondo posto dopo aver rimontato dalla undicesima posizione.
– Sono 29 le occasioni in cui a Le Mans ha corso il motomondiale, e risulta essere il quarto circuito con il maggior numero di gare di ospitate. Primo è Assen con 68, seguito da Spa Franchorchamps con 40 e Jerez con 30.
– Il circuito di Le Mans è denominato Stop-and-go a causa della successione di forti accelerazioni da bassa velocità seguite da grandi frenate. In 7 occasioni si inizia ad accelerare da velocità inferiori a 100kmh.
– Durante un giro di  pista a Le Mans un pilota impegna il 26% del suo tempo a frenare.
– Sempre a Le Mans troviamo il rettilineo più corto di tutto il mondiale, ma anche la prima curva più veloce, che viene affrontata ad una velocità di circa 200 kmh.
– Le Mans è il terzo tracciato con lo sviluppo più corto del mondiale, più corti di lui infatti vi sono solo Sachsenring e Cheste.
– Recentemente è stata riasfaltata la totalità del tracciato, eliminando le buche di cui i piloti si erano lamentati in passato e migliorando il drenaggio in caso di pioggia.
– Il mitico tracciato della 24 ore di Le Mans, utilizza solo una piccola parte del circuito utilizzato dalle  moto, vale a dire dall’inizio del rettilineo finale fino alla curva numero 6 detta “la Chapelle”. Da qui, il percorso utilizzato dalle auto esce dai limiti del circuito Bugatti per snodarsi lungo 13,63 km, ben al di sopra dei 4,2 km che percorrono i piloti della MotoGP.
– La chicane che si trova al termine della prima curva rende Le Mans il circuito dove accadono più incidenti in partenza. In numerose occasioni infatti, si è assistito a cadute multiple causate dal cambio di direzione che segue la prima curva, che si percorre ad alta velocità.
– Valentino Rossi ha ottenuto il suo primo podio con Ducati proprio a Le Mans. Curiosamente questo è l’unico tracciato dove riuscito a salire sul podio in entrambi gli anni in cui ha guidato la moto italiana piazzandosi rispettivamente 3° nel 2011 e 2° nel 2012.
– Ducati non ha mai ottenuto un successo a Le Mans. Il miglior risultato ottenuto sono due secondi posti conquistati da Capirossi nel 2006 e da Rossi nel 2012.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8641 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.