Alla scoperta del Palazzo Giustiniani di Bassano Romano, sabato 20 maggio

Interessante iniziativa sabato 20 maggio 2017 per scoprire da vicino alcune bellezze del Viterbese. Un intenso programma, messo a punto dall’Associazione Culturale Ottavia, permetterà di visitare lo storico palazzo Giustiniani-Odescalchi di Bassano Romano e di apprezzare i tesori dell’Antichissima città di Sutri tra i quali lo splendido anfiteatro e un mitreo.

Il Palazzo Giustiniani, una delle più belle e importanti residenze nobiliari del Lazio, prende il nome dalla famiglia di ricchi mercanti genovesi che vi si trasferì nella seconda metà del Cinquecento dopo 300 anni di residenza nell’isola greca di Scio, a seguito dell’invasione turca. Il Marchese Vincenzo Giustiniani (1564-1637), banchiere, collezionista e grande mecenate d’arte, impreziosì il precedente castello degli Anguillara al quale risalgono ancora il piano interrato e il piano terra. A Vincenzo Giustiniani si deve la commissione di alcuni cicli a fresco, come quello di Domenico Zampieri (1581-1641), detto il Domenichino o l’altro le Storie di Fetonte, realizzato da Francesco Albani (1578-1660).  Presenti anche gli affreschi di Antonio Tempesta (1555-1630) Bernardo Castello (1557-1629). All’interno del Palazzo si trova anche un delizioso teatrino, unico nel suo genere, voluto da Vincenzo Giustiniani a imitazione di quelli inglesi. Il Parco, in via di restauro, risale agli inizi del Seicento. E’ impreziosito da viali, piantagioni, gruppi scultorei e arredi in pietra creati in modo da rispettare i canoni rinascimentali di sintesi tra natura ed arte. Il Palazzo, divenuto in seguito proprietà dei principi Odescalchi, è stato acquistato nel 2003 dallo Stato italiano. Il Palazzo è stato poi sottoposto a lavori di consolidamento e di restauro, rivolti in primo luogo alle coperture ma anche ai cicli a fresco Da poco tempo è tornato visitabile solo il sabato mattina. Il Palazzo è stato anche set di alcune scene de La dolce vita di Federico Fellini con protagonisti oltre a Marcello Mastroianni e Anouk Aimée gli stessi principi Odescalchi. Vi sono stati girati inoltre Blaise Pascal di Roberto Rossellini, Il Gattopardo di Luchino Visconti o L’avaro di Tonino Cervi.

All’interno del Parco Archeologico di Sutri si trovano l’anfiteatro romano della fine del II secolo e il I secolo a. C. di forma ellittica con tre ordini di gradinate, interamente scavato nel tufo e una capienza di 9.ooo persone; il mitreo all’interno della Villa Savorelli, interamente scavato nel tufo come le tombe etrusche adiacenti. Fu prima tomba etrusca e in epoca romana venne dedicato al culto del dio Mitra e in seguito trasformato in chiesa cristiana dedicata alla Madonna del Parto, contiene in sé testimonianze di 2600 anni di storia; La Villa Savorelli risale al 1700 e possiede un grande ed elegante giardino all’italiana con piantagioni a labirinto secondo i noti canoni rinascimentali, e la chiesina settecentesca della Madonna del Monte nel Giardino segreto. Il Parco è unico nel suo genere nel panorama delle aree protette non soltanto del Lazio, per la ricchezza di valori archeologici e paesaggistici.

Ore 10,45 Appuntamento davanti al portone d’ingresso di Palazzo Giustiniani e visita a cura dell’Associazione Culturale La Rocca di Bassano Romano

Ore 12,30 circa fine della visita e passeggiata nel piccolo antico borgo di Bassano e, a seguire, pranzo nel caratteristico ristorante La Casa di Emme, bella location e buona cucina (antipasto, un primo a scelta, un secondo a scelta tra 3 possibilità, acqua e un quarto di vino della casa a persona).

Ore 15 circa si parte per Sutri a 5 chilometri circa da Bassano sulla Via Cassia dove si terrà la visita all’Anfiteatro romano, alle tombe etrusche, al Mitreo e a Villa Savorelli con la piccola chiesa settecentesca della Madonna del Monte. Passeggiata lungo il Sentiero natura che si dipana nel verde tra le tombe etrusche.

Ore 17,30- 18 Termine della giornata

Costo 35 euro omnicomprensivo a persona.

loading...